Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, spariti a Fiumicino 600 passeggeri del Bangladesh positivi al Covid. Falsi certificati, panico a Roma

  • a
  • a
  • a

Ci sono tra i 500 e 600 positivi provenienti dal Bangladesh che girano tra Roma e l'Italia  e non sono stati intercettati. Lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato in un'intervista a Il Messaggero "I nostri esperti hanno fatto dei calcoli, sulla base del dato ricavato dal campione dei passeggeri del volo speciale arrivato da Dacca lunedì, in cui il 13% dei passeggeri è risultato positivo. Il risultato è molto preoccupante: tenendo conto di tutti i voli compresi quelli con scalo che hanno fatto rientrare immigrati del Bangladesh in Italia, in giro per Roma e in altre regioni ci sono 500- 600 positivi che non sono stati intercettati".

 

 

Secondo il quotidiano di via del Tritone alcuni, almeno una decina, avevano anche la febbre, segnale che quando sono saliti sull’aereo, a Dacca, capitale del Bangladesh, probabilmente avevano già i sintomi, ma nessuno li ha fermati, forse anche a causa dei falsi certificati di negatività rilasciati da alcune cliniche locali. 


 L'assessore si dice "pronto" a fare tamponi a tutti i passeggeri provenienti da paesi con alta circolazione del virus. "Lo abbiamo già fatto con questo volo speciale dal Bangladesh, abbiamo fatto il tampone a 276 passeggeri". Ma, mette in chiaro, "ci deve essere un atto del governo che lo dica". "Solo per l'operazione del volo di lunedì abbiamo impiegato 40 tra medici e infermieri per cinque ore questo significa che anche il traffico aereo subisce dei rallentamenti significativi. La responsabilità non può essere solo nostra ogni giorno arrivano migliaia di passeggeri extra UE". 

In sintesi, ribadisce D'Amato, "noi non abbiamo problemi, possiamo fare i tamponi a tutti. Ma il governo deve impegnarsi direttamente, tenendo anche conto dei contraccolpi sul traffico aereo. Possiamo anche decidere che in alcuni paesi si parte solo se hanno fatto il tampone prima".


Il viceministro alla Salute Pierpaolo Silieri ha fatto sapere a 24 Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24 che "è in atto opera per rintracciare queste persone per poter fare il link epidemiologico e tamponi per tutti. È questa una delle ragioni che i voli dal Bangladesh sono stati bloccati, in virtù del fatto che i test effettuati nella giornata di ieri a Roma su quelli atterrati, hanno riscontrato un numero altissimo di soggetti positivi al Covid19".
 

Dai blog