Cerca

Inciuci

Paolo Becchi, la profezia su Matteo Renzi e Beppe Grillo: "Il patto tra disperati che seppellirà il M5s"

12 Agosto 2019

5
Matteo Renzi e Beppe Grillo, il patto tra disperati che seppellirà M5S

Ai tempi della Prima Repubblica era uso dire che «la politica è sangue e merda», con la Terza appena iniziata possiamo oggi dire che è solo merda. Beppe Grillo che si allea con Matteo Renzi politicamente equivale a quintali di merda.
Non la chiameranno alleanza, troveranno un nuovo termine per nascondere l' inganno. Ma si tratta comunque di una merda.
Cosa fare per salvare un partito che Grillo ha abbandonato da anni per farsi gli affari suoi, con il passo di lato, indietro e di traverso, e che ora si trova anche per colpa sua sull' orlo di una crisi di nervi?


Ecco la pensata - che farà rigirare Gianroberto Casaleggio nella tomba: allearsi con il suo peggiore nemico di sempre, Renzi, pur di evitare - come sarebbe nella natura delle cose - che il popolo vada a votare. Il populista che si trasforma nel poltronaro, l' Elevato finito nei bassifondi di Maksim Gor' kij senza però essere in grado di portare speranza, ma solo merda in una discarica di miserabili. Con la scusa - perché che di questo si tratti lo vedono anche i ciechi - che prima di andare a votare bisogna, quelle poltrone, diminuirle.

La realtà è un' altra. In una innaturale convergenza il Brutto e il Cattivo collaborano insieme. Renzi con l' aiuto di Grillo mira a riprendersi il partito e Grillo con l' aiuto di Renzi a salvare la pelle del suo.
Due falliti i quali credono che mettendosi insieme possano entrambi salvarsi dal fallimento. Quello che succederà di Renzi non mi interessa, certo che, se è così, Zingaretti dovrebbe quanto prima cambiare mestiere e dedicarsi all' ippica, ma per chi come me è stato per alcuni anni nel M5S una alleanza con Renzi significa la fine ingloriosa del MoVimento.
Che i due riescano o meno nell' inciucio, con la sua presa di posizione Grillo può forse ritardare la fine del MoVimento ma il suo destino è comunque segnato. Dal partito del cambiamento con la sua presa posizione lo sta trasformando nel partito incollato alle poltrone, dal "partito della Rete", dove tutte le decisioni più importanti venivano prese dopo adeguata discussione dagli attivisti, lo ha trasformato nel partito di un capo politico che ha commesso molti errori e di un garante che adesso cerca di parargli il culo, tra l' altro dopo averlo preso per il culo.

Vogliono il caos -  Cosa succederà oggi? Verrà calendarizzata prima la mozione di sfiducia contro Salvini o quella contro Conte? Vedremo.
Nel primo caso a Salvini non resterebbe altro da fare che dare lui le dimissioni da ministro, e con lui dovrebbero dimettersi tutti i ministri della Lega. Vogliono il caos, se ne assumano la responsabilità politica. Tutti contro Salvini, tutti oggi d' accordo nel dire che il Capitano finalmente ha commesso un grande errore staccando la spina al governo. E che cazzo doveva fare se il "governo del cambiamento" non stava cambiando più nulla e mirava solo a campare?
Ora cosa vogliono fare: una grande ammucchiata per salvare la legislatura? E riusciranno in questa loro impresa? Ci stanno provando in ogni modo, ma non è affatto detto che ci riescano. «Vedi, il mondo si divide in due diverse due categorie: chi ha la pistola carica e chi scava».
Nei prossimi giorni sapremo chi scava e non è detto che a scavare sia proprio Grillo.

di Paolo Becchi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • resistere sempre

    13 Agosto 2019 - 10:10

    egregio professore Becchi, le elezioni si chiedono non in base ai sondaggi o per compiacere una forza politica..Se la Lega accetta di fare un Governo in base ad un contratto e dopo un anno e mezzo, dopo aver realizzato punti a loro cari, e facendo propaganda a discapito dell'alleato, senza motico alcuno ti tiri indietro...questa non è politica nell'interesse del Paese..mi ricorda il ventennio

    Report

    Rispondi

    • greppio

      13 Agosto 2019 - 13:01

      Mi perdoni, ma questo continuo tirare in ballo il ventennio è stucchevole. Ricordo che le stesse banalità venivano utilizzate per demionizzare Berlusconi, all'alba della sua avventura. Ricorda le vignette di un Berlusconi in uniforme fascista? Ricordo anche che, con quel fascista, la sx è andata al governo definendolo statista. E' ora di essere seri. La prego, si può criticare ma basta banalità.

      Report

      Rispondi

  • greppio

    13 Agosto 2019 - 09:09

    Il PD non esiste più. Zingaretti ne è la prova. Il M5s ha fallito perchè non ha avuto la capacità di fare ciò che aveva promesso. Tante chiacchiere, alla Renzi maniera, e niente arrosto. FI è ormai solo una sigla senza significato. La politica italiana si è imballata. Si è impantanata tra interessi privati, benefici, poltrone e potere, dimenticandosi che fuori c'è un popolo inc...to.

    Report

    Rispondi

  • spedito

    13 Agosto 2019 - 06:06

    E meglio un inciucio durerà un paio di mesi. Ma poi chi li vota più?.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Regionali in Umbria, gli iscritti del Movimento 5 stelle al voto sulla piattaforma Rousseau

Giuseppe Conte: "Buon clima nel governo, si mettano da parte personalismi in favore della squadra"
Cerciello Rega, il video dei filmati ritrovati nei telefoni dei due americani: pistole e cocaina.
Salvini fuori dalla maggioranza? Mattarella battezza i rapporti con la Germania: "Livelli di eccellenza"

media