Cerca

Il caso

Morte Imane Fadil, slitta ancora la perizia decisiva: che cosa c'è dietro?

2 Luglio 2019

1
Silvio Berlusconi, slitta ancora la perizia per accertare le cause della morte del supertestimone, Imane Fadil

La perizia per accertare le cause della morte di Imane Fadil slitterà nuovamente. I magistrati guidati dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano hanno infatti concesso ai consulenti una proroga fino alla prossima settimana. Tutto sulla morte di uno dei testimoni chiave del processo Rubyter (a carico di Silvio Berlusconi e di altre protagoniste delle serate, accusate di falsa testimonianza) sembra ancora un mistero. Il lavoro dell'equipe coordinata dall'anatomopatologa Cristina Cattaneo - riferisce Il Fatto Quotidiano - prosegue con analisi dagli esiti sempre negativi. Dopo l'esclusione di sostanze radioattive nel corpo della donna, tutto il resto viene analizzato e poi scartato. Compresa l'ipotesi dei metalli pesanti, cercati a più riprese ma non trovati in quantità mortali.

Motivo, questo, per cui la perizia richiede lunghi tempi di attesa. Il quesito, a cui l'equipe medica è stata chiamata a rispondere, prende in considerazione più aspetti: si va dall'avvelenamento per intossicazione da metalli, pista che pare scartata, fino alla morte naturale per una malattia rara (si era ipotizzata anche una forma rarissima di aplasia midollare). Si prova tutto. Anche un' intossicazione da otturazioni dentali in mercurio o in piombo, magari eseguite in Tunisia, paese di origine della Fadil. Lo scorso 26 marzo era iniziata l'autopsia, ma gli accertamenti degli esperti sul cadavere della giovane sono iniziati solo dopo che esami più approfonditi avevano escluso la presenza di radioattività negli organi della modella, radiazioni che erano state, invece, rilevate in analisi sulle urine e sul sangue. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    02 Luglio 2019 - 20:05

    Queste sono donne che si mettono in situazioni al di fuori della loro portata e scherzano con il fuoco. Considerando i costi per le indagini conviene archiviare il tutto anche perche' la verita' non verra' mai trovata.

    Report

    Rispondi

Il Regno di Boris. Scopritelo su Camera con Vista su La7

Casalino mostra agenzie a Conte durante la conferenza stampa, lui rifiuta: "Lanciamo qui le notizie"
Greta Thunberg come una rockstar a Torino: così la svedesina ringrazia la folla
Boris Johnson, l'accoglienza trionfale a Downing Street dopo il trionfo al voto

media