Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bruno Vespa, Porta a porta più forte del coronavirus: "Così l'epidemia ha cambiato me e l'Italia

Francesca D'Angelo
  • a
  • a
  • a

Quest' estate Bruno Vespa ha trascorso le vacanze percorrendo quella che lui ha ribattezzato «la via crucis del Covid»: tra luglio e agosto il noto giornalista Rai è andato (verrebbe da dire porta a porta) a Codogno, al cimitero di Bergamo e in svariate ex zone rosse italiane. «Volevo conoscere queste persone, ascoltare le loro storie», ha spiegato Vespa. Che ora è pronto a ripartire: da stasera torna su Rai Uno, in seconda serata ogni martedì mercoledì e giovedì, con un'edizione di Porta a porta a prova di Covid. In tutti i sensi. Dal punto di vista contenutistico, come dicevamo, Vespa è sul pezzo come non mai: «Ho arricchito tantissimo la mia conoscenza». Certo, il tema è complesso e il nostro ne è consapevole: «Provo una certa frustrazione nel non riuscire a raccontare bene, fino in fondo, l'enormità di un evento come il Covid: quello che ha vissuto la gente, cosa ha voluto dire non abbracciare i propri cari malati, vederli sparire nel nulla. Quando vedo i negazionisti mi dispiace». L'epidemia sarà proprio il tema della prima puntata e Vespa attende al varco la categoria dei ricercatori per capire se, quando e come avremo un vaccino: dopo la prima parte, dedicata alla scuola con ospite il ministro Lucia Azzolina, si parlerà di epidemia con il ministro dell'università e della ricerca Gaetano Manfredi, con l'ad di Astra Zeneca Lorenzo Wiltum, con l'ad di Ibm Piero Di Lorenzo e con il professor Massimo Galli. «Per la prima volta avremo una voce diretta, di prima mano, che ci spiegherà a che punto sta il vaccino franco-italiano e se davvero avremo le prime dosi entro l'autunno», sottolinea soddisfatto Vespa. Il nostro promette rigore («la nostra prima regola è il controllo delle fonti») e approfondimenti ficcanti: «è chiaro che staremo addosso al governo, perché sta al governo: di questi tempi, peraltro, è uno dei mestieri più difficili del mondo. Ma marcheremo anche le opposizioni perché non si limitino a dire "no" ma ci spieghino meglio, e in modo documentato, come farebbero loro».

 

 

 

Insomma ce ne sarà per tutti anche perché Vespa non nasconde una certa preoccupazione per questo autunno: «Si prospetta difficile per chi non ha un reddito fisso, spero che il governo sappia spendere i soldi al meglio». Dopodiché questa edizione di Porta a Porta sarà a prova di Covid anche dal punto di vista logistico. Da stasera, il talk avrà uno studio nuovo, in alta definizione, ma soprattutto «dai tre ai quattro ospiti insieme in studio: il che ci consentirà di essere più vivaci nell'interlocuzione». Il particolare non è marginale visto che a inizio pandemia, ossia i primi di marzo, Porta a Porta era stato temporaneamente sospeso a causa della positività dell'ospite Nicola Zingaretti. In realtà il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio era stato da Vespa tre giorni prima della conferma di contagio: un lasso temporale che, a giudizio del conduttore, era garanzia di sicurezza per tutta la troupe. La Rai però la pensava diversamente e, nonostante le rimostranze di Vespa, Porta a Porta si fermò per una settimana. All'epoca Vespa commentò: «Da soldato, sono abituato da sempre a rispettare le decisioni aziendali ma questa mi sembra pretestuosa». Da quel momento si è privilegiato il collegamento audio con gli ospiti e la resa, obiettivamente, ne ha risentito. Ma non gli ascolti. La scorsa edizione Porta a Porta ha mantenuto lo stesso share e incrementato la platea di spettatori, arrivando a 1,1 milioni. «Quasi un milione di persone ci seguono anche dopo l'una di notte», ha sottolineato con orgoglio Vespa. Alla fine, insomma, il Covid non ha avuto la meglio su Vespa.

Dai blog