Cerca

Disastro continuo

Luigi Di Maio scrive a Le Monde, gaffe terrificante sulla Francia: qualcuno fermi il vicepremier

8 Febbraio 2019

0
Luigi Di Maio

Qualcuno fermi Luigi Di Maio. Ogni mossa, un disastro. Soprattutto nel delicato scacchiere dei rapporti con la Francia del galletto Emmanuel Macron, dove le mattate sue e del degno compagno Alessandro Di Battista hanno portato al ritiro dell'ambasciatore (roba che non accadeva dal 1940). E così, Di Maio, ha provato in un qualche modo a metterci la pezza con una lunga lettera scritta al direttore di Le Monde e pubblicata sul sito del noto quotidiano francese. Lettera in cui incappa in un altra, ridicola, gaffe. In un passaggio della missiva, infatti, il capo politico dei grillini elogia la Francia, la descrive come un paese amico e definisce il popolo un punto di riferimento "con la sua tradizione democratica millenaria". Già, "millenaria". Peccato però che la Rivoluzione francese risalga al 1789, non stiamo parlando di preistoria insomma. E soltanto nel 1789 Parigi insorse con la presa della Bastiglia, abbattendo così monarchia. Di Fatto la democrazia francese ha appena 230 anni: Di Maio bocciato ancora. Per l'ennesima volta. L'ennesima figuraccia. Sua e dell'Italia, nostro malgrado.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Alfonso Bonafede, goffo tentativo di depistaggio: "Una gara tra me e Matteo Renzi?"

Grande Fratello Vip, Elisa De Panicis e "la scossa". Confessione per Libero: "Ho voglia di innamorarmi"
Morgan, l'imitazione di Luciana Littizzetto a Che Tempo Che Fa: "Tu sei un mezzo pirla, senza chiappe e panza"
Open Arms, Matteo Salvini deposita la memoria difensiva in Senato: "Un attacco preventivo all'Italia"

media