Cerca

Questi sono folli

Matteo Renzi e il governo Pd-M5s, inciucio incubo per gli italiani. Lo scenario: Zingaretti premier

18 Agosto 2019

1
Matteo Renzi e il governo Pd-M5s, inciucio incubo per gli italiani. Lo scenario: Zingaretti premier

L'inciucio tra Pd e Movimento 5 Stelle è una guerra di nervi che si gioca a pugnalate tra i dem e sulla pelle degli elettori italiani. Secondo La Stampa, il clima al Nazareno è talmente rovente tra sospetti e veleni interni da far arrivare a una conclusione sconcertante: fare premier Nicola Zingaretti, uno che non riesce nemmeno a tenere insieme ai suoi.



Lo scenario è questo. Matteo Renzi continua ad accelerare sul patto coi 5 Stelle, a sorpresa, per scongiurare lo scenario del voto anticipato, a cui arriverebbe senza un proprio partito (i sondaggi lo danno intorno al 5%) e con l'alta probabilità di vedere i candidati della propria corrente azzoppati in collegi a perdere. Viceversa, Zingaretti e gli altri big (pure favorevoli) sono più cauti perché sanno che di fronte a un gruppo parlamentare a maggioranza renziana di fatto il governo giallorosso vivrebbe e continuerebbe finché l'ex premier lo vorrà, e poi tanti saluti, "stroncando così il Pd per poi far nascere una sua forza stile Macron". L'unica soluzione individuata per sventare il rischio, spiega il quotidiano torinese, consiste nell'inglobare nella maggioranza (un governissimo) anche Forza Italia e con Zingaretti a Palazzo Chigi. "Ipotesi non esclusa dagli sherpa grillini in questi giorni" e che "vari dirigenti del partito sanno essere l'unica in grado di equilibrare i rapporti con i 5 stelle, altrimenti sbilanciati in parlamento". 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mlaspisa

    19 Agosto 2019 - 10:10

    In un paese frammentario come l'Italia i sovranismi e i leaderismi non hanno futuro.La mediazione strategica non è inciucio ma compromesso distributivo delle forze per evitare il peggio dato che non siamo più nel 1945 e neppure nel 1919.

    Report

    Rispondi

media