Cerca

Dopo lo scandalo immobiliare

Papa Francesco, l'ex capo della Gendarmeria Vaticana Giani "candidato dal Pd a sindaco di Arezzo"

19 Novembre 2019

9
Papa Francesco, l'ex capo della Gendarmeria Vaticana Giani "candidato dal Pd a sindaco di Arezzo"

A metà ottobre Domenico Giani è stato costretto a dimettersi da Capo della Gendarmeria Vaticana. Oggi potrebbe essere il candidato del Pd a sindaco di Arezzo. La bomba è del Fatto quotidiano, secondo cui i dem di una delle città meno rosse della Toscana punterebbero sul suo profilo moderato e a-politico per reggere all'onda d'urto di Matteo Salvini nelle elezioni del maggio 2020.

La scelta farà discutere. Giani lasciò l'incarico di prestigio a fianco di Papa Francesco (e prima ancora, fu il responsabile della sicurezza per Papa Giovanni Paolo II e Benedetto XVI nei 20 anni precedenti) a causa della fuga di notizie sui presunti investimenti immobiliari della Segreteria di Stato a Londra. Uno scandalo che ne ha minato la credibilità e l'operato. Ritiratosi a vita privata, Giani ora sarebbe pronto al grande salto in politica, con il centrosinistra unito a sostenerlo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldoinvolo

    19 Novembre 2019 - 16:59

    e VAiiii spingere spingere una poltrona non si nega a nessuno, Importante che le mandibole funzioni bene

    Report

    Rispondi

  • agosvac

    19 Novembre 2019 - 16:24

    Tra Papa Francesco e PD, politicamente c'è poca differenza!!!

    Report

    Rispondi

  • Carlito58

    19 Novembre 2019 - 14:20

    non ho dubbi che tra poco anche lui sarà nel palazzo ..... insieme agli altri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Matteo Salvini a Cattolica: "Chiederò alla Lega di votare sì al processo sulla Gregoretti"

Nicola Zingaretti, l'appello: "L'Emilia-Romagna si salva se combattiamo tutti insieme"
"Prima l'Italiano". Scopritelo su Camera con Vista 2020, inizio di anno movimentato per la politica italiana
Diego Fusaro e Antonio Socci contestati a Siena da Sardine e Pd: "Via i turbo fascisti", eccoli a testa in giù

media