Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Influenza, l'allarme dei medici sul fai da te: i farmaci da evitare e i consigli per una corretta ripresa

Gabriele Galluccio
  • a
  • a
  • a

L'influenza può avere risvolti pericolosi se non viene affrontata nella maniera giusta. A lanciare l'allarme è Matteo Bassetti, intervistato dal Corriere della Sera in quanto presidente della società italiana di terapie antinfettive. Già un milione e 400 mila italiani si sono presi l'influenza, ma da qui a fine gennaio il numero è destinato a crescere ed a toccare il picco, come già accaduto anche lo scorso anno. Ovviamente i soggetti più a rischio sono i bambini e chi non si è vaccinato. Per approfondire leggi anche: Beve acqua, limone e miele per un anno: effetti miracolosi, com'è adesso L'unico rimedio per curar bene l'influenza è non eccedere con i farmaci, evitando le prescrizioni fai da te. A partire dagli antibiotici, che per Bassetti vanno del tutto evitati perché "inefficaci contro i virus, compresi i quattro dell'influenza. Sono utili solo contro i batteri". Secondo il presidente della Sita, l'impiego non corretto degli antibiotici avviene nella metà dei casi di influenza: "Nonostante le raccomandazioni il fenomeno dell'autoprescrizione non si è sgonfiato. Troppi italiani ricorrono senza l'indicazione del medico agli antibiotici rimasti nel cassetto". Questo comportamento - scrive il Corsera - è dannoso anche per le conseguenze di sanità pubblica. L'impiego improprio di questi medicinali favorisce la selezione di batteri resistenti, capaci di fare barriera quando è necessario contrastare germi pericolosi. Quindi contrastare bene l'influenza è molto più semplice di quel che si pensa: via gli antibiotici, pochi farmaci e tanto riposo in casa per non diffondere il virus e dar modo all'infezione di sfogarsi.

Dai blog