Cerca

Scandalo

L'amica geniale, puzza di censura: bomba sulla Rai, cosa hanno tagliato in prima serata, dettaglio scabroso

13 Dicembre 2018

0
L'amica geniale, puzza di censura: bomba sulla Rai, cosa hanno tagliato in prima serata, dettaglio scabroso

Licenza poetica o vera e propria censura? In molti hanno notato che nella fiction L'amica geniale una scena cruciale del libro è stata, come dire, "edulcorata". La Rai ha mandato in onda una versione "soft" della scena di violenza sessuale all' interno de L' amica geniale, la fiction che sta andando in onda con enorme successo su Rai1, tratta dai romanzi di Elena Ferrante dove si narrano le vicende delle due ragazzine napoletane Lina e Lenù.

Due sere fa, durante l' episodio L' isola, è andata in onda la scena dove Lenù subisce una violenza sessuale da parte dell' ex vicino di casa, il ferroviere Donato Sarratore. E proprio in questa scena avviene il taglio rispetto alla versione integrale trasmessa dalla pay tv americana Hbo e da quella italiana Timvision. La Rai - nota il Fatto Quotidiano - spiega che il taglio è stato minimo: "È stato effettuato un taglio di 1 secondo e mezzo, ovvero di un frame, nel punto più scabroso della scena, operazione che non ha cambiato nel modo più assoluto il senso complessivo della scena stessa", fanno sapere da Viale Mazzini.

Per approfondire leggi anche: L'amica geniale, incubo per Canale 5

La Rai precisa che "non si può assolutamente parlare di censura, ma di un piccolo accorgimento del tutto giustificato visto che la serie va in onda in prima serata, parte in fascia protetta (che va dalle 20.30 alle 22.30, ndr) e, oltretutto, viene vista da un pubblico molto variegato tra cui anche molti adolescenti".

Una scelta del genere non sarebbe stata presa all'improvviso, ma è stata pianificata tempo fa. Alcuni tagli si possono decidere solo con il benestare della casa di produzione e del regista, che in questo caso sono Wildside, Fandango e Saverio Costanzo.  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media