Cerca

appello

Morgan disperato per lo sfratto dalla sua casa: "Né gli amici né i colleghi hanno mosso un dito per aiutarmi"

24 Giugno 2019

1
Morgan disperato per lo sfratto dalla sua casa: "Né gli amici né i colleghi hanno mosso un dito per aiutarmi"

"Non sono preparato a questo, né psicologicamente né praticamente". Morgan si sfoga sul suo canale ufficiale, a meno di 24 ore dallo sfratto. Martedì 25 giugno infatti il cantante dovrà lasciare la sua casa, dopo la decisione di pignoramento presa dal Tribunale di Monza nel 2017. L'abitazione è stata venduta all'asta per vari debiti, ma "né amici né colleghi hanno mosso un dito" ha riferito Marco Castoldi. Per non parlare della famiglia paterna "che ha la casa di sua nonna disabitata ma a lui non la danno". 


La mamma di Morgan, in una conversazione whatsapp resa pubblica, lo consola e lo sprona ad andare avanti nonostante questo sfratto: "So che la cosa per te ha tanti ricordi ma uno giovane come te ha anche bisogno di cose nuove. Confido in una tua maturità. Sorridi il lavoro ti va bene, hai tanta gente che ti vuole bene, sei un musicista". Il cantante le ha provate tutte. L'ultimo tentativo è stato scrivere al nuovo proprietario dell'abitazione: "Per me tutto ciò rappresenta un grande dolore che si aggiunge ad una vita complessa e tragica che trova un senso nella creatività ma è innegabilmente piena di ferite: io devo elaborare questa nuova sofferenza come si elabora un lutto, con forza e statura morale". Nonostante le parole, il compratore non ha ceduto ad alcun ripensamento.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17'

    24 Giugno 2019 - 20:08

    Se non ho capito male, sembra che il pignoramento sia stato fatto nel 2017. Aveva tutto il tempo per sistemare le pendenze in sospeso. Cosa pretende ora che lo sfrattano?? Che altri gli tolgano le castagne dal fuoco?? Non mi sembra molto in palla, forse sta sempre sotto effetti strani, ed in questi stati, meglio non avere immobili intestati.

    Report

    Rispondi

media