Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Otto e Mezzo, Lilli Gruber prende in giro Marco Travaglio: "Ti sei ricreduto dopo la lettera che ti ha scritto Conte?"

  • a
  • a
  • a

“Il premier Giuseppe Conte ha precisato che le chiusure previste nel Dpcm non sono indiscriminate, ma mirate per evitare un altro lockdown”. Così Lilli Gruber ha aperto la puntata Otto e Mezzo, rivolgendo subito un interrogativo a Marco Travaglio: “Ti sei ricreduto? Tu che criticavi le nuove misure. Tra l’altro il premier ha scritto anche una lettera al tuo giornale…”. Il riferimento è ovviamente il testo di Conte pubblicato su Il Fatto Quotidiano che ha fatto molto discutere: “Io ne ho criticate alcune - ha precisato Travaglio, che come sempre è molto affabile con il premier anche quando non è d’accordo - non ho trovato razionale e coerente le chiusure di teatri e cinema e la serrata di bar e ristoranti alle 18, seguendo quello che dicono molti esperti come Ricciardi, che è anche consulente di governo, forse era più opportuno attivare quei parametri che il governo aveva fissato per far scattare dei lockdown locali”.

Per il direttore del Fatto è evidente che “ci sono delle aree molto più compromesse e oggi si fa finta di non vedere che la situazione di Milano, Napoli e altre città ha ampiamente superato quei livelli di guardia. Hanno preso delle misure piuttosto brutali sia per ridurre gli spostamenti e i contatti sia perché riducendo i contatti con gli estranei quando poi risulti positivo è più facile fare il tracciamento. Rimango però con la mia convinzione che forse qualche lockdown andava fatto e che probabilmente andrà fatto, ma l’importante ora è remare tutti nella stessa direzione per far sì che queste misure funzionano”. 

 

 

Dai blog