Cerca

sport

Lazio, Uefa chiude 4 settori curva nord nella gara con il Celtic

Calcio

15 Ottobre 2019

0

Roma, 15 ott. - (Adnkronos) - La Uefa, in merito al comportamento di alcuni tifosi della Lazio in Curva Nord durante il match di Europa League con il Rennes, ha deciso di chiudere i settori 46-47-48-49 dell'Olimpico durante la prossima gara casalinga della competizione, il 7 novembre con il Celtic Glasgow.

"Le decisioni della 'Control, Ethics and Disciplinary Body' della Uefa in riferimento ai comportamenti tenuti da alcuni tifosi nel corso dell’incontro tra S.S. Lazio e Stade Rennais F.C. costituiscono una pesante penalizzazione che sembra aver tenuto conto della netta condanna espressa prontamente dalla società biancoceleste nei confronti degli odiosi atti razzisti compiuti da pochi irresponsabili - commenta la Lazio -. La sentenza, al tempo stesso, conferma la ferma volontà della S.S. Lazio di proseguire sulla linea della 'tolleranza zero' stabilita dal Presidente Claudio Lotito".

"La società, inoltre, ribadisce la propria intenzione di perseguire penalmente e civilmente i responsabili di manifestazioni inaccettabili che provocano non solo gravissimi danni all’immagine ed al patrimonio della Lazio ma che penalizzano pesantemente la stragrande maggioranza di una tifoseria da sempre estranea e contraria alle intemperanze razziste di una sparuta minoranza. La S.S. Lazio, comunque, sulla base di risultanze in corso di reperimento, si riserva di presentare ricorso alle decisioni Uefa per ridurre penalizzazioni che si scaricano in gran parte sui tifosi più responsabili e virtuosi", conclude il club biancoceleste in una nota.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Luca Zaia: "Basta insulti ai veneti, il mio compito è difenderli. Ora quereliamo"

Vincenzo De Luca: "Dialogo con il M5s? Non parlo più di politica politicante, solo fatti concreti"
Alessandro Morelli: "I 5s aprivano scatolette di tonno, gli altri sono figli delle sardine: un governo ittico"
Open Arms, il video propaganda dopo l'indagine contro Matteo Salvini

media