Cerca

L'autostrada della discordia

"La Maremma come la Val di Susa"
Vip diventano NoTav contro la Tirrenica

Il Cipe ha dato il via libera al collegamento tra Livorno e Civitavecchia, ma c'è chi dice no

"Scenderemo in piazza e siamo pronti ad azioni forti di disobbedienza civile, come ai tempi del nucleare", ha promesso Nicola Caracciolo
"La Maremma come la Val di Susa"
Vip diventano NoTav contro la Tirrenica

 

La Tirrenica si farà. Parola del Cipe, che dopo 43 anni di attese e mille polemiche, ha autorizzato il completamento della Livorno-Civitavecchia: un miliardo e 300 milioni di euro per 148 chilometri di asfalto. Sul piede di guerra gli ambientalisti, degli enti locali, ma anche ai vip che hanno la casa in Maremma o a Capalbio: il timore è quel turismo di massa che loro proprio non vogliono. Una privacy che intendono difendere a tutti i costi, anche a costo di azioni eclatanti. "Scenderemo in piazza e siamo pronti ad azioni forti di disobbedienza civile, come ai tempi del nucleare", ha tuonato Nicola Caracciolo, vice-presidente di Italia Nostra e casa a Capalbio. "Sarebbe come far passare un'autostrada sui lungarni a Firenze" ha detto Giliano Amato.

Ma non è il solo. Contro la realizzazione del collegamento autostradale A12 fra Livorno e Civitavecchia ci sono appelli firmati trasversalmente da personaggi politici di destra e di sinistra, intellettuali, giornalisti, opionisti. Come riporta l'Occidentale c'è l’ex ministro della Funzione pubblica Franco Bassanini e la consorte Linda Lanzillotta, Francesco Rutelli, Achille Occhetto, Claudio Petruccioli, Francesco "Pancho" Pardi, l’ex direttore dell’«"Unità" ora parlamentare Pd Furio Colombo, i filosofi Sebastiano Maffettone e Giacomo Marramao, giornalisti come Chiara Valentini, Bruno Manfellotto, Daniele Protti, Vittorio Emiliani, Andrea Purgatori, con la partecipazione costante dei nobili Caracciolo e, ovviamente, di Fulco Pratesi e compagnia cantante ambientalista. Quando Pietro Lunardi, ministro berlusconiano delle Infrastrutture, propose il passaggio collinare dell’autostrada, cioè nell’entroterra, apriti cielo. La mobilitazione coinvolse pure quelli di destra toccati nei poderi di campagna come Stefania Craxi e il marito Marco Bassetti, Ferdinando Adornato all’epoca forzitaliota, Fabiano Fabiani e parenti, l’ex presidente della Rai Enrico Manca, la famiglia La Malfa praticamente al completo, la scrittrice Lidia Ravera, il fotografo Oliviero Toscani, mentre Giuliano Ferrara vedendo insidiato il suo casolare minacciò scherzosamente ma non troppo di darsi fuoco come Pietro Micca. Il messaggio è chiaro: la Maremma sarà la nostra Val di Susa. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucatnt73

    06 Agosto 2012 - 15:03

    Gli: Pronome a lui, ad esso (con il complemento di termine) È in difficoltà: gli darò una mano a loro, ad esso Sono simpatiche. Gli andrà di fare amicizia?

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    06 Agosto 2012 - 11:11

    Variazione tecnica: io l'autostrada gliela farei passare per il salotto......

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    06 Agosto 2012 - 10:10

    Chi quello che per il Pool“non poteva sapere”che era il consigliore di Craxi o per fiumi di denaro giungevano sino all'ascensore di Botteghe Oscure e per questi non applicato come ad altri il reato sic:“associazione esterno”o tutti SMEmorati come quel fascicolo N° 9520/95secretato nel processo SME e che Prodi alias Mortadella manco sbattuto in gattabuia e buttato la chiave con cchisti e molti Magistrati che hanno disonorato la Giustizia facendo pure carriera o affiliati nelle liste del Pci oh pardon il Pd?Inoltre,al discorso dello Statista Bettino Craxi in merito dei finanziamenti illeciti,http://www.youtube.com/watch?v=_eCb9gmTrGA&feature=related voi avete visto qualcuno alzare la manina compreso l'On.le Girgio Napolitano er“Re George I”che oggi accette le 31 fiducie a Monti e prima rimandava indietro?

    Report

    Rispondi

  • zucchetto

    06 Agosto 2012 - 10:10

    Chi ha la fortuna (anche quella aiutata di nascosto) di possedere una villa da quelle parti, a parere mio dovrebbe ospitare una di quelle incursioni della Guardia di Finanza che fanno poi parlare i giornali. Perché chi pensa alla disobbedienza civile per ostacolare qualcosa di pubblica utilità, vuole escludere tutti gli altri e questo è egoismo puro, che spesso si accompagna, o suggerisce, di osservare la disobbedienza fiscale. zucchetto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog