Cerca

Fornero

Il delirio di Elsa: straparla su tutto. Ma non dice niente sulle pensioni

Il ministro continua a glissare sul problema dei ricongiungimenti previdenziali che sta mettendo alle corde migliaia di italiani

Il delirio di Elsa: straparla su tutto. Ma non dice niente sulle pensioni

 

"Lavoro ai cinquantenni, flessibilità, riconferma della riforma del lavoro, produttività, perfino l’apprendistato, l’università e i voucher per aiutare le mamme. Lunedì di incontro («e non di scontro come scrivono i giornalisti»), a Trento per il ministro del Welfare Elsa Fornero. Ma neppure una parola sulle pensioni negate". Eppure, scrive Antonio Castro sul Libero in edicola oggi, martedì 20 novembre, "solo qualche giorno prima ad Amsterdam il ministro aveva speso ben tre giorni per partecipare al World Pension Summit 2012. Tre giorni proprio per presentare la “sua” di riforma delle pensioni. Ieri a Trento - su invito della locale Confindustria - Fornero ha glissato amabilmente qualsiasi riferimento a esodati e ricongiungimenti onerosi. Ha spiegato che «prendo impegni solo fino a marzo», escluso che intenda candidarsi alle politiche e assicurato che non vede l’ora di tornare in ateneo («voglio tornare dai miei studenti»). Parla di un po’ di tutto il ministro Fornero, per nulla disturbata dagli striscioni  che ironizzano sull’abuso dell’inglese che fa e ha fatto (viene accolta con uno striscione “Elsa go home”). E neppure l’ironico  “Benvenuta Fornero” scritto con lo spray dopo aver danneggiato i locali di un’agenzia per il lavoro interinale". 

Leggi l'articolo integrale su Libero in edicola oggi, martedì 20 febbraio. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lillali

    20 Novembre 2012 - 14:02

    non ho ancora capito come abbia fatto la sig, Fornero a raggiungere i vertici dell'insegnamento (università), quando non è in grado di predisporre un provvedimento senza incorrere in errori e svarioni incredibili, oltretutto non ammette MAI di aver sbagliato, di essere stata e di essere leggera, di non aver approfondito abbastanza le conseguenze delle sue decisioni. Non ho capito il senso delle sue lacrime, e vorrei tanto che ce lo spiegasse. Sono passati ormai tanti anni dai miei trascorsi scolastici, e ricordo SOLO coloro che mi hanno insegnato a capire, mi hanno insegnato ad imparare, a riconoscere gli errori per migliorare, gli altri? dimenticati...

    Report

    Rispondi

  • alvit

    20 Novembre 2012 - 11:11

    Ma questa ci è o ci fa?? Mi sembra che abbia fatto traboccare il vaso e la me@@a si sparsa su tutto il tappeto, impossibile pulirlo. Vi pensate che il prossimo governo, che sia quel che sia, si ritroverà dei provvedimenti così beceri che la gente odierà sempre più i politici e la politica. Non si è ben capito se è tutto preparato, e io lo penso, per giustificare il pd, che sicuramente sarà al governo e che potrà incolpare della sua inettitudine, la racchiona e il mandolone di monti. Sarà molto difficoltoso eliminare tutti i decreti e le leggi e lacciuoli posti da questi tecnici non votati.Il Mortadella lo fece su certe leggi del Berlusconi,su quelle che gli facevano più comodo. Sui lasciti ai figli le utilizzò, senza pagare pegno.

    Report

    Rispondi

  • peppino961

    20 Novembre 2012 - 11:11

    Questa volta non ha pianto, in compenso sta facendo piangere milioni di persone !!! Spero che il male che ha fatto gli ritorni indietro con il mille per mille di aumento ! Brutta stronza spero che cadi in disgrazia e che riduca sul lastrico te, la tua famiglia e tutti i tuoi colleghi professori tecnici del governo ! Ti venisse un'accidente ogni volta che ti pensa qualcuno !!!

    Report

    Rispondi

blog