Cerca

Regimi rossi

Ultimo orrore dei comunisti cinesi
sfrattano i morti per far soldi

In nome degli affari le autorità smantellano i cimiteri per dare terreni ad aziende e palazzinari. Già rimosse 400mila salme, gettate nelle fosse comuni

Ultimo orrore dei comunisti cinesi
sfrattano i morti per far soldi

"Il nuovo comunismo, quello cinese fondato sul capitale che, si badi bene, non è il libro di Marx ma il denaro sonante derivante dallo sfruttamento dei lavoratori contro cui appunto il filosofo tedesco aveva scritto il suddetto libro; il nuovo comunismo, dicevamo, non mangia più i bambini. Ora, per far spazio ai mastodontici disegni industriali e più genericamente economici di Pechino, si accontenta dei poveri resti di qualche milione di cadaveri di tutte le età dell’area centro orientale del Paese. A Zhoukou, nella provincia dell’Henan, le autorità hanno infatti dato il via a una spaventosa campagna di demolizione dei cimiteri e rimozione delle relative salme", racconta Carlo Nicolato su Libero di domenica 25 novembre. Già, i comunisti cinesi sfrattano i morti pur di fare più affari. E questo è soltanto l'ultimo orrore di regime. Le autorità di Zhoukou, nella provincia dell'Heman, smantellano i cimiteri per dare terreni ad aziende e palazzinari. Sono già state rimosse 400mila salme, che sono state gettate nelle fosse comuni.

Leggi l'approfondimento su Libero di domenica 25 novembre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • terlago

    26 Novembre 2012 - 15:03

    Che orrore i morti nella fossa comune!!! invece in Italia possono stare in pace per ben 20 anni! poi dopo... se sono fortunati un ossario!! Ma lo sapete che nella ricca Riva del Garda, nel civilissimo Trentino, lo storico cimitero è diventato un parcheggio! tutte le tombe (tutte, anche le più antiche e belle) distrutte, le varie statue e lapidi (alcune anche dell'800) finite in discarica (ma se volevi potevi riprenderti quella dei tuoi cari): il mio povero nonno esumato e siccome i suoi resti erano ancora ben conservati è stato risepolto nella nuda terra affinchè potesse marcire per bene! tutto per poter permettere ai turisti di parcheggiare sotto i cipressi. che differenza c'è con la Cina? forse un centro commerciale è più utile di un parcheggio, ma prima o poi anche il "parcheggio" di Riva cambierà uso e verrà edificato.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    26 Novembre 2012 - 11:11

    Almeno al cimitero sono già morti ...

    Report

    Rispondi

  • ateo39

    26 Novembre 2012 - 11:11

    visto che vi preoccupate tanto dei cimiteri cinesi fate piuttosto un indagine sul degrado di quelli italiani. Tanto per fare un esempio andate a vedere come è ridotto il cimitero di Staglieno a Genova, definito un tempo monumentale e meta una volta di viste guidate. Guardare in casa propria mai, vero ?

    Report

    Rispondi

  • rovera

    26 Novembre 2012 - 10:10

    E c'è ancora qualcuno che associa il comunismo alla massima espressione della dignità umana. In cina, pur di far soldi, non rispettano neppure i morti. Ho sempre pensato che il comunismo sia il lupo travestito da agnello: lo sfruttamento operaio ( o schiavitù) per il più becero dei capitalismi, quello che ti sfrutta in nome di una eguaglianza sociale che non esiste.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog