Cerca

Classifica

Onu, il miglior Paese al mondo in cui vivere: Norvegia al primo posto, Italia solo 27esima

Onu, il miglior Paese al mondo in cui vivere. Norvegia al primo posto, Italia al 27esimo

La Norvegia è il miglior paese al mondo in cui vivere. E volete sapere l'Italia è solo 27esima. È il dodicesimo anno consecutivo che la Norvegia si aggiudica il primato fra tutte. A dirlo è l'Organizzazione delle Nazioni Unite nel suo Rapporto annuale sullo Sviluppo Umano.

Parametri - La classifica viene stilata tenendo in considerazione l'indice di sviluppo umano, un parametro che si basa su tre variabili: l'aspettativa di vita, gli anni di istruzione e lo standard di vita. Oltre a questo parametro, vengono presi in considerazione il Pil delle nazioni e quello pro capite degli abitanti. 

188 Nazioni - Così la Norvegia, con un punteggio di 0,94 (su una scala che va da 0 a 1), si aggiudica il podio, seguita da Australia e Svizzera. Nelle prime dieci posizioni poi ci sono altri paesi europei, come la Danimarca e l'Olanda (quarta e quinta posizione), seguite da Germania e Irlanda, pari merito al sesto posto, mentre gli Stati Uniti sono ottavi. Brutta fine per l'Italia. Con un'aspettativa di vita poco superiore agli 83 anni e una media di anni di istruzione pari a 10.1, si trova all'inizio della scalata, al ventisettesimo posto, preceduto da Slovenia e Spagna. Ma non bisogna scoraggiarsi, la lista è lunga e -addirittura- ci sono alcuni paesi in cui i parametri utilizzati dall'Onu non hanno nemmeno praticamente valore. Le ultime dieci posizione sono occupate da paesi africani: Congo, Sierra Leone, Mozambico, Chad, Eritrea, per arrivare fino all'ultimo posto, occupato dal Niger.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    17 Dicembre 2015 - 20:08

    perchè fra i parametri non viene messa la pressione fiscale, com'è giusto che sia? le sofferenze e i patemi causati dall''eccessivo livello di tasse dovrebbero essere elementi (negativi) ai fini di determinare il (mancato) benessere di un popolo; con questo parametro l'Italia precipiterebbe poco sopra il Mozambico

    Report

    Rispondi

blog