Cerca

Grane padane

Bossi stoppa Maroni: "Non posso ritirarmi"

Il Senatùr: "La Lega l'ho creata io, se lasciassi direbbero che la colpa è degli altri. Ma adesso dobbiamo stare uniti, le divisioni con Bobo fanno male"

Resistere resistere resistere

L'ex segretario della Lega Umberto Bossi

Bobo Maroni può aspettare. Con la ramazza la Lega potrà spazzare via tutte le mele marce (l'ultimo epurato è stato l'autista-Bancomat del Trota, Alessandro Marmello), ma non Umberto Bossi. "Io non posso ritirarmi assolutamente perché altrimenti la gente penserebbe che è colpa degli altri. Io ho fatto la Lega, questo la gente non lo dimentica e devo garantire la continuità senza contraccolpi negativi. Troveremo la quadra". Parola del Senatùr, che dopo le dimissioni dalla carica di segretario del Carroccio e la nomina alla presidenza onoraria sembra intenzionato a dare del filo da torcere proprio a Maroni, suo erede designato come leader del partito. Intervenuto a un incontro elettorale a Conegliano, Bossi ha detto la sua a ruota libera. Sul futuro segretario, naturalmente: "Zaia? Come no, il Veneto non ha mai avuto un segretario confederale ma credo che lui non lo voglia fare. Adesso la cosa fondamentale da fare è stare uniti. No alle divisioni tra maroniani e  bossiani, che fanno male. No alle lotte personali ma dobbiamo stare tutti uniti". Resta il test elettorale delle amministrative, assai atteso soprattutto in Lombardia e a Verona. "Sono convinto che i partiti e la democrazia non spariranno. Grillo cavalca il momento, spera di prendere più voti ma li porterà via alla sinistra. Loro sì che sono preoccupati, molto più di noi".

Che errore col Trota - Quindi l'inchiesta giudiziaria che ha messo in ginocchio i padani. "Non ho capito chi era quello li che ha cercato di agganciare i miei figli...", ha detto riferendosi al tesoriere della Lega Francesco Belsito. "Ma ce la faremo e la parte sbagliata cambierà - ha assicurato -. Noi siamo forti ugualmente. Qualunque cosa ci fanno la Padania ha un sogno nel cuore, la libertà, e ce la farà". Il senatore Piergiorgio Stiffoni, coinvolto, si è autosospeso: "Gli ho chiesto come è andata - ha riferito Bossi - e lui ha detto che i soldi erano suoi. Controlleremo tutto". Resta l'amaro in bocca per qualche leggerezza del passato: "Uno degli errori - ha detto il Senatur - è stato portare in politica mio figlio. Ma i miei figli sono cresciuti alle feste della Lega, si appassionavano. E' un errore - ha aggiunto - coinvolgere i figli nella politica, è pericoloso". Resta, a Bossi, una certezza: "La Lega non ha rubato i soldi a nessuno, non si è fatta dare le tangenti come il partito socialista. Certo, li ha usati male, li ha sprecati e chi l'ha  fatto dovrà ridarli indietro". "La magistratura sta insistendo nel cercare collegamenti con la 'ndrangheta - ha continuato - ma non c'è nessun collegamento. Non c'è nessun coinvolgimento del partito". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • niktesla

    01 Maggio 2012 - 16:04

    Bossi deve lasciare. Con l'ultimo briciolo di lucidità deve capire che la Lega - se non vuole morire del tutto - ha bisogno di spazzare via il passato vergognoso. Coraggio Umberto, go home.

    Report

    Rispondi

  • eovero

    30 Aprile 2012 - 13:01

    se tu volessi davvero bene alla lega, oltre alle dimissioni dovresti stare in un'angolo, sei alla frutta!

    Report

    Rispondi

  • Alessio1

    30 Aprile 2012 - 12:12

    I barbari maroniani sconfitti al congresso di Padova e in galera......Ne vedremo delle belle..... Finmeccanica, Pini, Tosi, Fava...... Maroni trema....

    Report

    Rispondi

  • stres

    30 Aprile 2012 - 08:08

    Siamo al delirio ! Leghisti ma lo ascoltate ancora ? Non l'avete capito ancora ? Questo pensa alla "Famiglia" e voi che fate? Lo starete a guardare ed acclamare mentre la sig.ra Bossi tirerà le fila a tutto vantaggio della "Family"! Buttatelo fuori ! Siate Leghisti una volta e per sempre !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog