Cerca

La proposta

Mago Zurlì e Topo Gigio si candidano in Rai
"Noi meglio di Santoro e Freccero"

Cino Tortorella scrive a Monti: "I miei programmi sono intelligenti, lavorerò gratis"

Mago Zurlì e Topo Gigio
Mago Zurlì e Topo Gigio si candidano in Rai. Cino Tortorella, come riporta il Corriere della Sera, scrive infatti a Mario Monti proponendo la sua candidatura: "Egregio presidente Monti, avendo letto la proposta di autocandidatura di Michele Santoro e di Carlo Freccero alla direzione generale e alla presidenza della Rai ho pensato, forse con un po' di presunzione, che anch'io potrei avere qualche motivo per avanzare la stessa richiesta".
Tortorella ha poi proposto come Topo Gigio come suo assistente. "Gigio è entrato nel mondo dello spettacolo nel 1959, ha partecipato a migliaia di spettacoli in tv e a teatro". Lui e Topo Gigio si metteranno "gratuitamente al servizio della Rai", e faranno "programmi molto più gradevoli e intelligenti di quelli di Freccero". Chi ha orecchie per intendere, intenda. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • testin della cazzetta

    15 Maggio 2012 - 18:06

    ooddiooo che ridere...ma voi, in realtà, avete un' autoironia dall' altissimo potenziale comico! E come direttore del tg1 chi ci mettiamo? José Luis Moreno e il corvo Rockfeller? Allo sport Gianfranco D' Angelo e il nipote di Has fidanken? Topo Gigio...non ci posso credere...smettetela di tormentare la debole psiche dei vostri lettori. Hanno già dato ampiamente prova di poter votare per "la qualunque" assecondando qualsivoglia porcata, non prendeteli anche in giro. E' crudele.

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    15 Maggio 2012 - 10:10

    Non capisco perché la rai debba essere sempre tirata in mezzo nella stupida guerra tra destra e sinistra. Adesso sembra che chiunque abbia in tasca la ricetta per il rilancio del vero servizio pubblico. Tra l'altro tutti vecchi che cercano di modernizzare la rai affacciandosi , a onor del vero, a strumenti moderni, ma con la propria mentalità obsoleta.

    Report

    Rispondi

blog