Cerca

I dubbi degli inquirenti

Brindisi, le piste dietro l'attentato: mafia, terrorismo, gesto di un folle

Bomba alla scuola, sospetti sulla Sacra Corona Unita ma le modalità sono anomale. Si parla di anarchici o di movente passionale, prende quota l'ipotesi di balordi isolati

Brindisi, le piste dietro l'attentato: mafia, terrorismo, gesto di un folle

L'unica certezza sull'attentato dalla scuola di Brindisi in cui ha perso la vita la 16enne studentessa Melissa Bassi è che si è cercata la strage. La mano che si nasconde dietro al gesto, però, è avvolta dal mistero. Criminalità organizzata, pista eversiva, movente passionale, atto isolato di un folle? Gli inquirenti per ora non si sbilanciano perché la ricostruziona è ancora nebulosa. E il ritrovamento del telecomando con cui è stato fatto scattare il timer collegato alle tre bombole di gas non aiuta ancora le indagini. Ma incombe un incubo inquietante: manovalanza locale assoldata da organizzazioni eversive con fini ben più alti. E lo spettro dello stragismo dietro l'angolo. In questo senso, le parole del procuratore nazionale Antimafia Piero Grasso sono chiare: "Allo stato non è stata fatta alcuna rivendicazione ma questo è terrorismo puro. Otto milioni di ragazzi e 30 milioni di familiari si chiederanno lunedì se la scuola è sicura. Noi diciamo: non toccate i ragazzi. Hanno ucciso una ragazza, nel cui quaderno c'era scritto: 'Lezioni di legalità. Domande e risposte sulla Costituzione'. Questa è la ragazza che hanno ucciso"

La pista Sacra Corona Unita - Il procurato aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, pur nella prudenza delle prime ore, aveva parlato della bomba come il fatto "più grave dalla terribile stagione del '92 e '93, che sembra volerci fare piombare in un'epoca buia". E il sindaco di Brindisi Mimmo Consales aveva nominato per primo la criminalità organzzata. E qui, a Brindisi, la criminalità organizzata è la Sacra Corona Unita. l'organizzazione nata con il boss Giuseppe Rogoli a Mesagne, da dove è partito l'autobus di Melissa. La pista mafiosa pareva obbligata anche perché il clima a Brindisi nelle ultime settimane era incadescente. Le iniziative della Dda contro le famiglie, l'operazione Die Hard che ha portato a maggio agli arresti di 16 presunti affiliati. E ancora: l'attentato del 5 maggio all'auto del presidente dell'antiracket brindisina Fabio Marini e l'allarme lanciato al ministro degli Interni Cancellieri dal presidente della Provincia Massimo Ferrarese. A far propendere per la pista mafiosa ci sono altre coincidenze: il nome della scuola, intitolata al magistrato Giovanni Falcone e alla moglie Francesca Morvillo, vittime illustri di Cosa Nostra 20 anni fa esatti nella strage di Capaci. E il fatto che proprio a Brindisi sarebbe sfilata la carovana anti-mafia di lì a poche ore. 

I dubbi sulla mafia - Il ministro Cancellieri però ha commentato parlando di "attentato anomalo". Anomalo per gli strumenti e le finalità. Che lo stesso sindaco Consales ha poi sottolineato, ribaltando il giudizio iniziale: "La Sacra Corona Unita usa tritolo, effettua gesti dimostrativi, non colpisce ragazzi e studenti. In questo caso ivnece c'era un timer e hanno usato bombole di gas. Francamente, gli strumenti utilizzati non rispondono alla metodologia della criminalità organizzata e men che meno a quelli della Sacra Corona Unita". "Che la mafia faccia scoppiare delle bombole e uccidere delle persone - aggiunge il capo dell Polizia Antonio Manganelli - con gli autori che si preparano a prendere l'ergastolo una volta scoperti per un fatto di mero simbolismo mi sembra un'ipotesi azzardata".

Pista eversiva - La dinamica fa pensare a un gesto meditato, studiato per uccidere più persone possibili. Il timer era posizionato alle 7.55, l'orario di massima affluenza nell'istituto. Doveva essere una strage, occorre capire perché il detonatore sia scattato 10 minuti prima del previsto. Qualcuno ha parlato se non di criminalità organizzata almeno di organizzazione criminale. Anzi, eversiva e terrorista, in linea con il clima incendiario di questi mesi. Gli anarchici? Da escludere, sarebbe la prima volta nella loro storia di vittime anonime, civili, slegate da ogni contesto politico. Pista straniera? La Grecia è vicina, gli anarchici ellenici sono probabilmente più aggressivi dei colleghi italiani ma anche in questo caso i dubbi sono tantissimi. E allora, non è impossibile pensare a manovalanza locale, anche bassa, assoldata da organizzazioni eversive nazionali con fini ben più alti, anche se il fatto che l'ordigno non fosse poi così sofisticato alimenta altri dubbi.

Una bomber - Il sindaco Consales non ha escluso il gesto di un folle isolato, un "Unabomber" pugliese o di altra provenienza. Anche in questo caso, è difficile: il congegno esplosivo era artigianale, sì, ma assai complesso. Più che un folle, un criminale vero e proprio. Ma resta il fatto che l'attentato appare troppo strutturato (il telecomando, per esempio) perché sia il frutto della mente di un solo malato od esaltato. Forse, allora, bisogna puntare su una banda di piccola malavita locale, balordi isolati in un piccolo nucleo.

Pista passionale - Una voce, nulla più: pista passionale, il gesto di un innamorato deluso o respinto. Al momento, nessuno ci crede. Manganelli ha definito l'ipotesi "poco verosimile" ma non è possibile escluderla, semplicemente perché quanto successo a Brindisi va al di là di ogni più tremendo precedente.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberopensatore1950

    19 Maggio 2012 - 20:08

    Anche se può apparire una riflessione scontata, una cosa è certa, questo è un atto compiuto per seminare il terrore. Quindi potremmo chiamarlo terrorismo ma, considerato non tanto il simbolo, che è persin troppo evidente, sono le vittime che non permetteranno mai più di perdonare nulla e nessuno. Il terrore indotto, sicuramente preoccuperà ragazzi e genitori in ogni luogo ed è quello che mandanti ed esecutori vogliono.Non si può neppure pensare ai genitori, ai parenti, agli amici che non vedranno mai più la piccola Melissa. Riusciamo ad immaginare quelle persone che hanno collocato quelle bombole consci di quello che avrebbero fatto? Forse le incrociamo normalmente per strada, ma non sono persone, neppure bestie, sono contenitori vuoti che chiunque può rimepire d'odio anche verso dei Bambini. L'uso di bombole può anche essere una scelta per depistare; non rimane che attendere e sperare che mandanti ed esecutori possano essere presto individuati e condannati senza tante storie.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    19 Maggio 2012 - 19:07

    Ho sentito che di fronte al luogo dell’attentato c’è un bar. Molto probabile le bombole saranno state installate nottetempo. Nessun avventore del bar ha visto qualcosa d’insolito. Non so una macchina, una moto? Ho sentito che è stata spostata la campana della raccolta del vetro! Non occorre un mezzo apposito?

    Report

    Rispondi

  • ulisse di bartolomei

    19 Maggio 2012 - 19:07

    e in Italia le ideologie più infide sono state avallate come diritti del pensiero libero. Nelle università vengono propugnate idee dove la nostra società viene stigmatizzata e si sancisce l'ostazione e il sabotaggio sociale come stile di vita unico meritevole di dignità. Melissa rappresenta una società che sebbene incorra in grandi contraddizioni, da all'individuo e a se stessa sempre una possibilità di riscatto. Chi ha ucciso Melissa e ferito le sue compagne odia la società cristiana a prescindere. Questa gramigna è cresciuta in mancanza di un rigore etico scambiato per censore della libertà, mentre è stato il concime di ogni grande cultura e noi si è creduto di poterne fare senza. Questi i consegui! Uccidere la gioventù è il rango della bestia. Chiunque sia stato o le idee che lo hanno indotto, è la infame mistura nichilistica che pervade la psicologia sociale italiana ad averlo alimentato con uno stolto permissivismo sociale.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    19 Maggio 2012 - 19:07

    Io non so chi voi siate e come la vostra mente abbia potuto partorire una atrocità simile. La colpa non è della vostra mamma e nemmeno di papà, però se quella sera i vostri rispettivi padri si fossero masturbati e vi avessero sparato direttamente nel WC gridando all'unisono: "Abbiamo eliminato degli stronzi!" Vi avrebbero collocato nella vostra degna sede e avrebbero fatto un favore al mondo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog