Cerca

La pronuncia

Pavia, ruba il pieno di benzina: assolta per la "particolare tenuità del fatto". Effetti della riforma Renzi

Fare il pieno di benzina e non pagare un euro. E' possibile, parole di giudice. Il caso arriva da Pieve Porto Mortone, in provincia di Pavia. Una donna aveva fatto rifornimento, e al momento di pagare ha spiegato di non avere soldi per saldare il conto con all'area di servizio Total Erg. La donna si era però impegnata a saldare il debito con una dichiarazione scritta. La promessa non è mai stata mantenuta, così la donna è stata denunciata e processata con l'accusa di insolvenza fraudolenta.

Effetti collaterali - La sorpresa, però, è arrivata con la pronuncia del giudice, dello scorso 6 maggio: Camelia Serban, 30enne, è stata assolta. Si tratta dell'effetto collaterale della nuova legge del governo Renzi sulla depenalizzazione dei reati minori. La signora, infatti, è stata assolta per la "particolare tenuità del fatto". Il giudice ha spiegato che il fatto era di scarsa rilevanza, sia per la cifra non saldata sia per il tipo di reato. A favore della donna, inoltre, il fatto che risultasse incensurata. In definitiva, la signora ha fatto un pieno da 121,48 euro senza mai pagarlo.

Le motivazioni - Il fatto risale al 28 agosto del 2012, quando la signora Serban disse al gestore della pompa di benzina di essersi accorta di non avere con sé il denaro necessario per pagare. Come detto, poi è scattata la denuncia. Il caso si è trascinato per tre anni, fino alla paradossale sentenza: "Si può concludere per l'assoluzione dell'imputata - si legge nelle motivazioni della sentenza - perché non punibile. Effetti, come detto della riforma made-in-Renzi approvata lo scorso 16, il decreto legislativo 28/2015, sulla depenalizzazione di alcuni reati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gheneminga

    12 Maggio 2015 - 13:01

    ma io dico qui ci sono etano e Qfrancesco che dicono ok all'assoluzione ci può stare???? ma scherziamo se questa signora voleva pagare in 3 anni lo avrebbe fatto..... qui ci stiamo abituando ai ladri ma è normale che uno fa benzina e non paga?.e poi se vi vengono a rubare in casa e poi sono liberi sapete chi ringraziare..il bimbo minchia renzi......chi ruba in galera punto e basta

    Report

    Rispondi

  • etano

    12 Maggio 2015 - 09:09

    Che sia stata assolta a livello penale in base alla Legge ci puo' stare ma comunque rimane il debito a livello amministrativo per il quale i gestore, i cui diritti sono incontrovertibili, puo' e deve procedere civilmente con la richiesta di eventuale decreto ingiuntivo o qualsiasi procedura equipollente atta al recupero dell'importo non pagato più gli interessi maturati dalla data del fatto.

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    12 Maggio 2015 - 06:06

    Di bene in meglio , bravo matteino, vai a nasconderti! Governanti senza cervello.

    Report

    Rispondi

  • burago426

    11 Maggio 2015 - 22:10

    fatelo con l'IMU voglio vedere se il comune perdona. Questa è il mondo dei faccia tosta, faccia di tolla, dei furbi chiamateli come volete ma per me i giudici non leggono nemmeno più i verbali, mettono un timbro o una firma e via tutti liberi. a questo punto penso che non sanno nemmeno loro a chi hanno dato l'assoluzione e perché.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog