Cerca

Ricerca di Enea

Allarme climatico, ecco come sarà l'Italia

Allarme climatico, ecco come sarà l'Italia

L'aumento della temperatura globale cambierà nel giro di un secolo - ma anche meno - la geografia dell'Italia. Il nostro Paese, infatti, proprio per la sua conformazione, subirà in modo molto evidente gli effetti del cambiamento climatico, con ampie aree che si vedranno sommerse dal mare. E' il drammatico scenario tracciato dai ricercatori del Laboratorio di modellistica climatica e impatti dell'Enea, coordinati da Gianmaria Sannino. Secondo una ricerca pubblicata su Nature Scientific Reports e diffusa dall'Enea, "il clima del Sud Italia rischia di diventare quello tipico del Nord Africa, con estati ed inverni sempre più aridi e secchi e una crescente carenza di acqua che determinerà il progressivo inaridimento dei suoli, con ripercussioni su agricoltura, attività industriali e salute umana".

Migliaia di ettari di territorio nazionale potrebbero essere presto sommersi dal mare. Secondo le proiezioni realizzate dai ricercatori Enea, "sono 33 le aree costiere ad alta vulnerabilità in tutta Italia che rischiano di essere inondate, come ad esempio la laguna di Venezia (sparirebbero anche Trieste e Treviso), il delta del Po (Ravenna), il golfo di Cagliari e quello di Oristano, l'area circostante il Mar Piccolo di Taranto, la foce del Tevere, la Versilia, le saline di Trapani e la piana di Catania". Non solo. L'Italia sarà soggetta a "un incremento della frequenza degli eventi estremi, come ad esempio alluvioni nella stagione invernale e periodi prolungati di siccità, incendi, ondate di calore e scarsità di risorse idriche nei mesi estivi". Stessi rischi per "Spagna meridionale, Grecia e Turchia".

Il Nord Europa, invece, assumerà sempre più le caratteristiche dei Paesi mediterranei: Gran Bretagna e Scandinavia avranno estati molto più secche ed inverni più piovosi rispetto ad oggi, rilevano i ricercatori dell'Enea. Le proiezioni realizzate attraverso i modelli climatici mostrano che "le aree mediterranee si espanderanno anche verso le regioni europee continentali, coinvolgendo i Balcani settentrionali e la parte sud-occidentale di Russia, Ucraina e Kazakistan, dove prevarrà un clima sempre più mite caratterizzato da un aumento delle temperature invernali". E lo stesso fenomeno, avvertono gli scienziati dell'Enea, potrebbe interessare anche il Nord America, in particolare la parte nord-occidentale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    06 Dicembre 2015 - 15:03

    terrorista

    Report

    Rispondi

  • paolone67

    04 Dicembre 2015 - 16:04

    Una voltai giornali come questo davano un po' spazio anche a studiosi (e non sono pochi) che pensano che il mantra del riscaldamento globale sia solo l'ennesima moda degli ambientalisti che non sono nuovi ad allarmismi infondati. Ricordate l'incontro di Copenhagen sul riscaldamento globale interrotto da una bufera di neve? Perché dobbiamo continuare a sentire solo la campana degli ambientalisti?

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    04 Dicembre 2015 - 14:02

    allora se sparisce l'italia, dove va new york, londra, il bangladesh le bahamas ecc, tutti sotto. allora è un problema comune che comincino gli americani a consumare meno, andando in giro con macchine massimo 1000 di cilindrata

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    04 Dicembre 2015 - 14:02

    Avete la fortuna di poter prevedere tutto quello che volete perchè nessuno potrà mai smentire le assurdità che scriverete,chi legge ora non ci sarà più alla scadenza del vostro oracolo e magari vi pagano anche,prevedete il domani che siamo in un baratro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog