Cerca

Tapiro velenoso

I giudici bastonano Bonolis:
"Affari tuoi era un programma scorretto"
"Striscia" vince la guerra dei pacchi

Secondo i magistrati il programma dei "pacchi" su rai Uno era "irregolare". Il conduttore si difende: "Io non sapevo nulla, Striscia era infastidita per gli ascolti"

I giudici bastonano Bonolis:
"Affari tuoi era un programma scorretto"
"Striscia" vince la guerra dei pacchi

I "pacchi"di Rai Uno, quelli dell'era Bonolis sarebbero stati "truccati". A denunciare le presunte combine ad Affari Tuoi era stata Striscia La Notizia qualche anno fa. Paolo Bonolis reagì come una furia e con lui anche i notai del gioco che querelarono Striscia. I magistrati ora rigettano la querela. Secondo i magistrati il gioco dei pacchi è stato "irregolare" e "assolutamente scorretto. I concorrenti più accorti sono stati messi in grado di individuare i premi più sostanziosi". Questo raccontano le carte depositate dal procuratore aggiunto Leonardo Frisani, che assolve Striscia e chiede l’archiviazione della querela presentata dallo staff notarile di “Affari Tuoi” contro il programma Mediaset. Stessa sorte è toccata a Massimiliano Dona autore del libro “Affari Loro”, in cui l’autore ripercorre tutte le tappe dell’inchiesta e smaschera presunti trucchi e bugie del programma dei pacchi. Ha "narrato solo fatti, e ogni espressione utilizzata è stata inserita in un contesto di sostanziale verità". Insomma per Bonolis e i notai è una disfatta totale.

Bonolis si difende -  Ma il conduttore prova a gettare acqua sul fuoco: "Quando lo facevo conducevo il   giochino e basta, non credo ci fosse niente dietro: arrivavo in studio  e andavo in onda. Non saprei negli anni successivi, in realtà non ne so nulla. Entravo in studio all’ultimo momento e facevo il gioco. Allora c'era una grande battaglia di ascolti con 'Striscià che generò tutta  questa polemica. Ricordo che con Ricci litigai forte -prosegue   Bonolis- alla sua 'Striscià davamo più di venti punti di distacco e per loro era un problema reale".

Si fa sempre così -
Poi Bonolis cerca di generalizzare la questione: "Al di là della vicenda specifica, comunque, per Bonolis "questo  Paese e il mondo intero vivono in una dimensione taroccata, il che   nulla giustifica in nessun caso, gli interessi muovono la realtà e la  realtà viene taroccata in funzione degli interessi, nella politica,   nell’economia, nello sport, ovunque. Ogni volta ci portiamo la mano   alla bocca ed esclamiamo 'oh!' ma è inutile illudersi, i poteri   tendono a canalizzare gli eventi a loro vantaggio. Non vogliamo   ammetterlo perchè non vogliamo che si rompano i nostri punti di   riferimento, e così facciamo finta di niente"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gilucas

    19 Marzo 2013 - 12:12

    Non tace mai, è inascoltabile. Parli adesso.

    Report

    Rispondi

  • Lucifer

    19 Marzo 2013 - 10:10

    Querelle di semplicissima e veloce soluzione. Applichiamo la medesima "invenzione" giuridica valida per Cav: BONOLIS NON POTEVA NON SAPERE. LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • opps61

    19 Marzo 2013 - 08:08

    ora che è ufficiale posso dirlo......perchè devo pagare il canone per un programma tarocco dove chi comanda si divide pure i premi di una trasmissione? i dirigenti, notai e quanti dovevano controllare sono stati chiamati a pagare i danni?

    Report

    Rispondi

  • pat.en1965

    19 Marzo 2013 - 05:05

    Adesso pure i pacchi vengono truccati, questa Italia è stata distrutta da tutta la classe dirigente, tutti a casa, iniziamo a mettere delle persone oneste

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog