Cerca

La bocciatura

Stamina, il giudizio del comitato 2012: "Metodo pericoloso, può portare danni neurologici"

Durissimo verdetto degli esperti scientifici. Il ministro Lorenzin: a giorni nuovo comitato. Vannoni: "Porteremo tutte le analisi"

Stamina, il giudizio del comitato 2012: "Metodo pericoloso, può portare danni neurologici"

Una cura "pericolosa" e che può provocare "danni neurologici gravi" ai pazienti. E' il giudizio emesso nel 2012 sul metodo Stamina dal tavolo tecnico composto da Nas, Istituto Superiore di Sanità, Centro Nazionale Trapianti e Agenzia del Farmaco (Aifa). Una stroncatura totale sia dal punto di vista medico-scientifico sia da quello procedurale.

Tutti i rischi del metodo - Innanzitutto, i luoghi di somministrazione del metodo. Secondo le carte dell'indagine della Procura di Torino, guidata dal pm Raffaele Guariniello, le prime prove "semi-clandestine" della terapia di Davide Vannoni sui pazienti sono state effettuate negli scantinati di varie strutture, in Italia e a San Marino: strutture già giudicate inidonee dall'Ordine dei medici nel 2008. C'è poi la questione più strettamente legata alla salute dei pazienti che si sono sottoposti alla cura, che comporterebbe rischi di trasmissione di virus e insorgenza di tumori. Pratiche legate alla terapia come biopsia midollare, manipolazione di cellule staminali o reintroduzione mediante puntura lombare potrebbero provocare, si legge nei verbali, "nausea e cefalea, meningiti batteriche, ematomi, traumi midollari, localizzazioni cellulari atipiche e incontrollate e rischio di insorgenza di tumori dovuti alla possibile selezione e trasformazione di cellule preneoplastiche durante le manipolazioni in vitro". Inoltre, l'utilizzo di siero fetale bovino nei terreni di coltura potrebbe portare all'insorgere di "danni neurologici" e altri "effetti collaterali dopo infusione, da verificare nel tempo".

Lo scontro ministro-Vannoni - Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato per i prossimi giorni un nuovo Comitato. "Il metodo Stamina non esiste dal punto di vista scientifico - ha commentato -, non abbiamo ancora le prove. Vediamo quando sarà provato o non provato, anche se l'altro comitato aveva già dato il verdetto". 
"Tutte le analisi ce le abbiamo e sappiamo cosa iniettiamo - ha replicato Vannoni, il promotore del metodo Stamina -, sono cellule staminali sicure. Ma ora la parola passerà ai pazienti, che porteranno in conferenza stampa le loro analisi. Sarà invitato anche il ministro della Salute: come io non sono scappato in questi giorni dalle accuse infamanti che mi hanno rivolto, Lorenzin abbia il coraggio di farsi vedere e di vedere i risultati ottenuti da queste persone". All’agenzia Adnkronos Salute il presidente di Stamina Foundation ha spiegato che il ministero della Salute è in possesso di tutte le cartelle cliniche dei pazienti in cura agli Spedali Civili di Brescia. "Ma come sappiamo lì ci si limita a indicare che non ci siano effetti collaterali - ha concluso -. Le famiglie presenteranno invece le valutazioni e le analisi effettuate da oltre 50 medici diversi che certificano i miglioramenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dx

    23 Dicembre 2013 - 09:09

    o quel che fa bene o male. trionfa sempre il caos, il fai da te e la violenza contro i più indifesi.

    Report

    Rispondi

  • alvara

    22 Dicembre 2013 - 22:10

    nonostante ormai sia chiaro anche ai ciechi che era meno pericolosa vanna marchi di questo vannoni vedo con sgomento che continuano i commenti dei potenziali truffati contenti.c'è un solo modo per fare finire questa farsa. arrestate vannoni, ci sono tutti i requisiti. reiterazione del reato in primis. così finisce tutto

    Report

    Rispondi

  • abianchi

    22 Dicembre 2013 - 13:01

    Non capisco tutta questa querelle... I malati sono terminali, protestano per sottoporsi, come cavie, a cure sperimentali... non capisco dove stia il problema: facciamo firmare una liberatoria e vediamo i risultati.... meglio della vivisezione... Contenti loro...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    22 Dicembre 2013 - 12:12

    A individui già ridotti praticamente allo stato vegetativo? Ma perchè non si fa vera sperimentazione, come si usa nei paesi civili, invece di far intervenire la magistratura? Se è vero che i sostenitori non hanno dalla loro parte uno studio probante, è pur vero che neanche i detrattori del metodo hanno solide basi scentifiche per negarne l'efficacia. Sarebbe il caso di piantarla di ciarlare come oche al mercato e affidarci al metodo scentifico e alla sperimentazione che non possono fallire. Ma forse il discorso è troppo complesso ed articolato per l'On. Lorenzin e per le sue indiscusse scarse doti intellettuali...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog