Cerca

Sul Fatto

Travaglio al Pd: "Chiedete scusa a Prodi, se ne va il migliore dei vostri"

Il prof sbatte la porta in faccia al partito che ha contribuito a far nascere, e Marco sferza i vertici democratici: "E' onesto e ha battuto due volte Silvio"

Travaglio al Pd: "Chiedete scusa a Prodi, se ne va il migliore dei vostri"

"Andate in ginocchio da Romano Prodi e chiedetegli scusa: è l'unico buono tra i vostri". L'ex premier è in rotta col Pd, partito che ha contribuito a far nascere ("Non rinnovo la tessera e non voterò alle primarie", ha detto in via ufficiale). E Marco Travaglio, vicedirettore del Fatto Quotidiano, dovendo scegliere con chi schierarsi tra i due soggetti in contesa, sceglie senza indugio il professore di Bologna. "Con tutti i suoi difetti ed errori, è una persona onesta, non si è arricchito con la politica - scrive Travaglio di Prodi - e ha governato die volte in condizioni difficilissime senza mai farci vergognare dinanzi al mondo di essere italiani". Ma, nella scala di valori di Marco Manetta, l'ex premier targato Ulivo e Unione somma un'altra qualità alla rettitudine morale: "E' l'unico ad aver battuto, due volte su due, Berlusconi". Ebbene, ora che tra Romano e il Pd cala il sipario, per Travaglio i democratici dovrebbero vivere il fatto come "uno choc sconvolgente". Se ne va il migliore da un partito in cridi di identità e consensi, spiega. l'unico che gode di credibilità e rispetto presso l'elettorato di riferimento, e allora ci sarebbe da aspettarsi reazioni scomposte. "Tutti ne dovrebebro parlare con sgomento (dell'addio, ndr) - verga sul Fatto Travaglio - Epifani e Letta Jr. e Renzi e Cuperlo e Civati e Pittella dovrebbero recarsi in delegazione a Bologna, inginocchiarsi davanti a lui e pregarlo di ripensarci". Invece non succede perché, sostiene il nostro Marco, per i vertici Pd quelli che dovrebbero essere i meriti di Prodi, sono "peccati impedonabili". Anzi, tra i generali e i graduati democratici, racconta Travaglio, c'è chi "fa il sostenuto ("Ma come si permette questo Prodi?")" e chi "affetta indifferenza ("Ma sì, voltiamo pagina"). Romano è uno troppo buono per stare con quella gentaglia, è il refrain travagliesco. "Prodi è il più detestato da - conclude al vetriolo - ma anche dai vertici Pd. E per lo stesso, identico motivo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alejob

    14 Novembre 2013 - 12:12

    D'overi tu quando il tuo prediletto (Prodi) ha fatto il suo discorso alla TV RUSSA sulla (NUOVA EUROPA). Vuoi che ti mandi le cassette ?. Cosi senti cosa ha detto e forse cambi IDEA. Cius Travaglino, allarga i tuoi orrizonti prima di parlare.

    Report

    Rispondi

  • Zawol

    12 Novembre 2013 - 19:07

    eh, sì, come no. Mai sentito Cirio? o Telekom Serbia? o il gioco del piattino? o l'interrogatorio di Di Pietro fermato da una telefonata di un pezzo grosso con l'erre moscia? ma povero Travaglio, dategli la legge Bacchelli così almeno la smette di umiliarsi per un tozzo di pane!

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    12 Novembre 2013 - 19:07

    Quindi, se non vado errato, il compagno Travaglio, il cui cognome è tutto un programma, ha dichiarato pubblicamente, che questo lestofante zozzone del mortadella, che in 20 anni ha distrutto l'Italia con l'euro, sarebbe il meglio...? Cazzo, ma allora è vero quando dico che gli altri comunisti sono tutti una monnezza...!

    Report

    Rispondi

  • mab

    12 Novembre 2013 - 18:06

    E tralasciamo i fallimenti dismissioni IRI......... Bravo Travaglio, un commento degno del tuo cognome....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog