Cerca

Sempre più isolato

Fini si aggrappa a Casini
"Stiamo ancora insieme"

Il leader di Fli rifiuta la fine del Terzo polo e chiama "l'amico Pier": anti-berlusconismo grande bacino di voti

E su Montezemolo: "Sua discesa in campo sarebbe fatto positivo"
Fini si aggrappa a Casini
"Stiamo ancora insieme"

A stare seduto là, sullo scranno più alto di Montecitorio, ormai ha perso gusto da tempo. Gianfranco Fini smania per rientrare nell'agone politico ma ahilui, non sa davvero come e con chi farlo. Il suo Terzo polo, messo su in fretta e furia dopo aver rotto con Berlusconi, gli si è sgretolato presto tra le mani. E da ormai qualche settimana (dal risultato del primo turno delle amministrative) non esiste proprio più, almeno nelle intenzioni di Pier Ferdinando Casini che ne è (o meglio ne è stato, l'azionista di maggioranza). "Il terzo polo è finito" ha detto Pier, ma Gianfry e Italo niente, duri d'orecchie. Ancora fino ad oggi, almeno a leggere l'intervista rilasciata da Fini al Corriere della Sera, nella quale il presidente della Camera chiama disperatamente a se "l'amico Pier" in nome di una terza via al Pd e al Pdl, ma soprattutto ancora una volta in chiave berlusconiana. "Sono convinto che l'esigenza di un'alleanza programmatica nell'area degli elettori che non si riconoscono nè in Bersani nè nel Pdl sia più forte di prima, soprattutto se berlusconi continua ad essere il dominus del Pdl" dice Fini. E a Casini: "C'è una potenzialità enorme, perciò se il mio amico Pier non vuole più chiamare terzo polo non chiamiamolo più così. Ma che ci sia spazio per una proposta politica fortemente rinnovatrice è un dato di realtà da cui è difficile sfuggire".

Poi, su Montezemolo: "Se dovesse decidere di impegnare Italiafutura in politica, lo troverei un fatto positivo, perchè sono convinto che presenterebbe un programma riformatore. Perchè temere la competizione o la concorrenza? E poi: chi lo ha detto che dovrebbe essere necessariamente un concorrente?". Tradotto: se proprio Casini mi scarica, provo ad aggrapparmi da un'altra parte.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andrea.toscano757

    30 Giugno 2012 - 13:01

    Fini ancora non si è reso conto di esser stato "l'utile idiota"(politico), organico ad un ben precisa strategia politico-mediatica che mirava scientemente ad impedire che Berlusconi potesse governare.

    Report

    Rispondi

  • perfido

    27 Maggio 2012 - 18:06

    così abbattuto, mi fa pena, poveretto. Stai tranquillo, comunque, Napolitano, vedrai non ti lascerà in brache di tela, ti ha già prospettato un eventuale futuro: suo assistente, quando gli scadrà il mandato da presidente della repubblica. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • nik-nak

    27 Maggio 2012 - 13:01

    Questo politicante fallito, che purtroppo occupa immeritatamente la poltrona della terza carica dello stato e che ha rinnegato se stesso e suoi elettori, deve ora mendicare l'appoggio di qualcuno per non precipitare nel nulla. Qualsiasi cosa di negativo possa capitargli sarà sempre poco. I serpenti traditori andrebbero schiacciati ma, nel caso specifico,purtroppo non gli si potrà togliere la lauta pensione che dovremo pagargli.

    Report

    Rispondi

  • venaria

    27 Maggio 2012 - 12:12

    Sempre più brutto il parassita traditore, essere ripugnante viscido, falso, le prossime elezioni sarà la fine della sua vita politica la gente non dimentica quanto male fatto ,con lui lo stesso Casini individuo ipocrita, si vergognino in quanto complici del colpo di stato da parte di Napolitano nei confronti del governo Berlusconi di cui oggi vediamo quanto male stanno facendo,vergogna vergogna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog