Cerca

La resa dei conti

M5S, le divisioni delle Cinque Stelle
Fedelissimi, ribelli e pontieri

Beppe Grillo visto da Benny

 

Ma che cosa sta succedendo al Movimento 5 Stelle? Lunedì 17 giugno comincerà il “processo” per l’espulsione della cittadina senatrice Adele Gambaro che ha liquidato Grillo in un’intervista tv. E quest’appuntamento si trasformerà nel momento della resa dei conti tra i grillini. Sostanzialmente il Movimento è spaccato in tre. Una spaccatura che risale all’indomani delle elezioni quando, durante le estenuanti e febbrili trattative con il vincitor perdente Pier Luigi Bersani alcuni grillini ritrovatosi dall’oggi al domani in Parlamento, non condividevano la linea “talebana”, del muro contro muro di Grillo e sarebbero stati più propensi a un accordo con il Pd. Ecco, nel corso di questi mesi, dal travaglio per l’elezione del Presidente della Repubblica, fino alla formazione del governo delle larghe intese questa spaccatura (che nasceva come crepa) è diventata sempre più forte fino a prendere la forma di una vera e propria scissione che si dovrebbe concretizzare con la formazione di un nuovo gruppo (su cui Sel e Pd hanno già lanciato un’opa). 

l tre tronconi - Movimento è diviso sostanzialmente in tre gruppi: ci sono i talebani, i fedelissimi di Grillo, quelli che seguono il Credo del leader, quelli che qualche giorno fa sono stati convocati dalla Casaleggio Associati per discutere della comunicazione del Movimento e sono quelli che hanno più visibilità: da Vito Crimi a Roberta Lombardi, il presidente della Commissione di Vigilanza della Rai Roberto Fico, il vicepresidente della Camera Luigi di Maio, Riccardo Nuti, Nicola Morra e Alessandro Di Battista. I fedelissimi, per dimostrare sostego a Grillo, hanno organizzato un sit in martedì prossimo, 18 gugno, davanti a Montecitorio con lo slogal "Io sto con Beppe".Ci sono poi i ribelli, quelli che da tempo covavano dei dubbi che esprimevano perplessità rispetto alla linea di Grillo ma che sono stati sdoganati dalle dichiarazioni della Gambaro. Nella galassia grillina sono soprattutto senatori (Lorenzo Battista. Serenella Fucksia, Francesco Campanella, Alessandra Bencini, Fabrizio Bocchino, Vincenzo Santangelo Nunzia Catalfo, Ornella Bertorotta ) e una decina di deputati tra cui Walter Rizzetto, Aris Prodani, Adriano Zaccagnini Paola Pinna, Tommaso Currò, Alessio Tacconi.Ma tra i dissidenti e i fedelissimi ci sono i pontieri, quelli che vorrebbero rinviare il processo alla Gambaro, convinti che comunque finisca si trasformerà in un boomerang. Vogliono disinnescare la bomba. E’ questa la speranza di Michele Giarrusso: “Vogliono vederci esplodere, ma non dobbiamo cadere nel tranello. I problemi del Paese sono troppi per perderci adesso”. Su tutti e tre i tronconi c’è l’ombra del Pd e di Sel che stanno a guardare cosa accade, pronti a realizzare il ribaltone rosso. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • esbakeca

    16 Giugno 2013 - 15:03

    ancora parli di "padroni e capi"? a bumbulu !!!! fuma meno.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    16 Giugno 2013 - 13:01

    Erano e sono anche loro il letame della politica corrotta e opportunista di destra, di centro, di sinistra e di estrema sinistra. Abbiamo i rappresentanti dei centri sociali in Parlamento e ne eravamo a conoscenza.

    Report

    Rispondi

  • kalamaki

    16 Giugno 2013 - 13:01

    Per come sono nati non ci voleva uno scienziato per capire che non avrebbero resistito al successo. Anche se francamente non sembrava prevedibile che sarebbero arrivati al capolinea tanto rapidamente. In fondo la politica qualche regoletta ce l'ha: una delle più importanti é che ci vuole una selezione formativa seria prima di iniziare ad occuparsi delle cose pubbliche. Questi invece sono stati messi insieme solo da un mix di "vaffa" e di chiacchiere utopiche ed inconcludenti su nuovi mondi possibili, tutti da dimostrare. Messi alla prova hanno dimostrato quello che sono. Come diceva Abramo Lincoln puoi ingannare molti per poco tempo oppure pochi per molto tempo, ma non tutti per sempre.

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    16 Giugno 2013 - 13:01

    ...Se fossi al vostro padrone vi licenzierei in tronco, state favorendo la sua morte politica ! Vi conviene far compattare i 5 stelle se tenete al vostro capo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog