Cerca

La strategia

Berlusconi vuole andare alle urne
La strategia per candidarsi

Silvio Berlusconi

Silvio alla resa dei conti: visto da Benny

Silvio Berlusconi in questi giorni che hanno il sapore della resa dei conti nel suo partito, non ha affatto rinunciato al progetto di candidarsi. Nonostante si avvicini la fatidica data del 4 ottobre in cui la Giunta del Senato deve votare la sua decadenza, nonostante si aspetti la decisione della Corte di Milano che deve ridefinire la durata dell'interdizione dai pubblici uffici, il Cavaliere vuole andare a votare il 24 novembre con questa legge elettorale. Basterebbe pochissimo, basterebbe che si spostasse il voto in giunta di un paio di mesi. Nel frattempo i giudici milanesi diranno la loro sull'interdizione, a questo punto i legali del Cavaliere faranno ricorso in Cassazione. E nel periodo che passa tra l'impugnazione della sentenza e la decisione dei giudici con l'ermellino presentarsi alle urne. Secondo i democratici, poi, Silvio avrebbe anche un altro piano ed è quello di risolvere il problema dell'incandidabilità presentandosi da capolista in tutte le circoscrizioni, nella speranza che una delle ventisei corti di Appello accolga la sua tesi contro la legge Severino. Così potrebbe scendere in campo 

L'ultimatum Nella tesissima giornata di ieri, lunedì 30 settembe, il Cavaliere ha dato sette giorni al governo per fare la legge di stabilità, la riforma dell'Imu e la rimodulazione dell'IOva ma non c'è la legge elettorale. I falchi del Pdl mirano alle elezioni a novembre, un obiettivo che però si sconta con l'intenzione di Napolitano che è quella di sondare l'esistenza di un'altra possibilità per Letta sperando in una spaccatura del Pdl e della futura Forza Italia. Ma Berlusconi vuol far saltare il banco dopo aver concesso un'ultima linea di credito alle larghe intese. Ed è per questo l'attenzione si è spostata dentro e fuori il partito su Alfano.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Akito

    01 Ottobre 2013 - 19:07

    Non ci vuole molto per definire Lupi,Alfano e i pari degli incollati alla sedia;in fondo hanno ragione adesso hanno il trono,dopo?D'altronde il loro ragionamento è:caro Silvio,tu non conti più e noi dobbiamo soccombere con te?Poverino tanto che sono capaci di dare alternativa se non il coraggio di bloccare il cedimento progressivo,i disservizi,l'alta burocrazia,gli stipendi sostanziosi e la povertà in fondo c'è sempre stata e non bisogna vivere di illusioni altrimenti perderemmo la nostra reale configurazione e pertanto non ci si deve meravigliare se appoggiamo i ricchi,per essere poveri,aumentiamo le tasse,scandali e dopo scandali.tutto è nella norma

    Report

    Rispondi

  • antari

    01 Ottobre 2013 - 17:05

    Silvio potrebbe presentarsi come capolista a San Vittore...

    Report

    Rispondi

  • niktesla

    01 Ottobre 2013 - 17:05

    Ancora qualche settimana e il GRANDE VECCHIO sara' riportato trionfalmente a PALAZZO CHIGI, sulle spalle dei suoi entusiasti otto milioni di evasori (... ehm ... volevo dire elettori...). SIAMO SALVI, AAAAAZZZZZZ!!!

    Report

    Rispondi

  • satanik

    01 Ottobre 2013 - 15:03

    Comunisti, gnomi, fatine, fauni e unicorni, sono un pericolo per l'Italia. E i delinquenti Vincenzo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog