Cerca

Scoperta la muraglia di re Salomone

Risale al X secolo a.C. e percorre Gerusalemme per 70 metri

Scoperta la muraglia di re Salomone
È stata scoperta a Gerusalemme la muraglia di re Salomone. Durante gli scavi archeologici diretti da Eilat Mazar è tornata alla luce una sezione dell'antica muraglia risalente al X secolo a.C., probabilmente costruita al tempo del re. Il possente muro, lungo 70 metri e alto 6, si trova nell'area Ophel, tra la città di David e il muro meridionale del Monte del Tempio.

Nella stessa area sono stati scoperti un corpo di guardia interno per l'accesso al quartiere reale della città, una struttura reale e una torre d'angolo che si affaccia sulla valle Kidron. I reperti confermano il racconto biblico sul leggendario Salomone: «Il muro testimonia una presenza dominante. La forza e la forma della sua costruzione indicano un alto livello di ingegneria. Un confronto tra questi ultimi reperti e le mura e le porte della città del periodo del Primo Tempio, oltre al vasellame trovato sul sito, ci permette di stabilire con un alto grado di certezza che il muro appena scoperto è quello che fu costruito da re Salomone a Gerusalemme nella seconda parte del X secolo a.C. È la prima volta che viene trovata una struttura di quell'epoca che può essere messa in correlazione con le descrizioni per iscritto delle costruzioni di Salomone a Gerusalemme». Nella Bibbia si legge che Salomone costruì il Tempio di Gerusalemme, il suo nuovo palazzo e le mura di cinta di Gerusalemme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    27 Febbraio 2010 - 23:11

    La fatidica arca,con le leggi dettate a Mosè da Jhavè e scolpite nella pietra,secondo diverse testimonianze,comprese quelle di Italiani che l'hanno vista durante il periodo di occupazione dell'Etiopia,si troverebbe in un tempio segreto in questo paese,forse nei pressi di Addis Abeba guardata a vista dai sacerdoti che l'hanno in custodia in una stanza con una fiamma sempre accesa.Da ricordare che al tempo gli Etiopici erano sudditi della regina di Saba che dopo l'unione con il re Salomone convertì il suo popolo all'Ebraismo e quindi è plausibile che avessero portato qui l'Arca dell'alleanza per sottrarla ai razziatori Romani,atei e miscredenti.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    25 Febbraio 2010 - 19:07

    Il Sacro Cral e soltanto una fantasia cinematografica perchè, a quei tempi, Gesù essendo considerato un fratello di strada del popolo ebraico, penso che si dissetava e mangiava come tutti gli altri in vasellame di coccio oppure di legno mentre, l'Arca è storicamente registrata nei racconti bibblici.

    Report

    Rispondi

blog