Cerca

successo social

Roma, i temi anti-euro dei bambini di quinta elementare: "Con la lira si stava meglio"

13 Ottobre 2018

3
Roma, i temi anti-euro dei bambini di quinta elementare: "Con la lira si stava meglio"

"Con la lira si viveva meglio", non è Salvini a dirlo, ma dei bambini di quinta elementare di Roma. Ed è la loro maestra Raffaella a pubblicare, su Twitter, i temi dei giovanissimi anti-euro o, perlomeno, quello che hanno sentito dai loro nostalgici genitori. Il successo sul social è indiscusso. Il primo tema - definito il più bello dalla stessa maestra - recita così: "Mio padre mi racconta che quando la moneta era la lira era tutto un po' più semplice. Ai tempi della lira con uno stipendio si potevano comprare molte più cose. Quando c'è stato il passaggio all'euro, gli stipendi sono rimasti gli stessi, mentre i commercianti e venditori in generale hanno alzato i prezzi della loro merce. Nessuno tra politica e polizia ha controllato l'aumento dei prezzi delle merci. La vita in Italia è diventata così più difficile. Quando c'erano le lire si poteva risparmiare un po' di soldi. Nel periodo dell'euro, in Italia, si sono persi molti posti di lavoro, perciò la Nazione è diventata più povera, e molti italiani sono andati all'estero per colpa della crisi. Papà vede l'Italia più povera rispetto a prima".

Poi c'è il secondo, quello di Ginevra, "la più sincera e pratica": "Quando mia mamma e mio papà erano piccoli la moneta ufficiale era la lira. I miei genitori mi raccontano sempre che quando c'era la lira erano tempi migliori. Si guadagnava di più perché la lira, rispetto all'euro, valeva il doppio. Quindi anche gli stipendi erano più alti e i soldi non finivano subito! Nel 2002 è cambiata la moneta, dalla lira si è passati all'euro. Questo perché l'Italia e altri Paesi si sono uniti per essere più forti insieme e per copiare gli Stati Uniti d'America hanno inventato una moneta unica. Tutto questo però ha aumentato la crisi che già c'era nel nostro Paese".

Infine Elisa, "la risolutiva": "Oggi ho chiesto alla mia mamma di parlarmi della lira, la moneta che c'era in Italia prima che arrivasse l'euro nel 2002. Mamma mi ha raccontato che quando c'era la lira era come se tutto costasse la metà, il cibo, i vestiti, i quaderni, i libri, era come se lo stipendio durasse di più e permettesse di comprare più cose e realizzare anche qualche desiderio in più. Mamma dice che allora non solo si potevano comprare più cose, ma si riusciva anche a risparmiare - continua - e si viveva meglio. Ora con l'euro sembra più caro, i soldi sembrano non bastare mai. Tutto costa il doppio ed è difficile farsi bastare uno stipendio e provare a realizzare anche i più piccoli sogni. L'Italia è molto cambiata dai tempi della lira, del benessere che era un po' di tutti e non solo dei più fortunati. Forse non era poi così male che ogni Paese aveva la sua moneta e la sua storia".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    13 Ottobre 2018 - 16:04

    Spero che i genitori non abbiano dimenticato di dire ai bambini il nome dei due disastrosi individui ( Prodi e Ciampi ) che accettarono un cambio lira/euro assolutamente folle.

    Report

    Rispondi

  • ohmohm

    ohmohm

    13 Ottobre 2018 - 14:02

    Attenzione!.....junker lagarde moscovici jobrowsky merkel micron ecc. sono pronto a dimostrare il contrario !!!Ah!ah!ah!ah!ah!

    Report

    Rispondi

  • Skyler

    13 Ottobre 2018 - 14:02

    Aspettiamo che i PDioti ne chiedano il licenziamento immediato.......

    Report

    Rispondi

media