Cerca

Scontro tra pontefici

Papa Francesco, retroscena: Padre Georg segregato perché troppo vicino a Ratzinger nella battaglia in Vaticano

6 Febbraio 2020

3
Papa Francesco, retroscena: Padre Georg segregato perché troppo vicino a Ratzinger nella battaglia in Vaticano

Che succede in Vaticano? A voler dar retta al "diavolo", dietro al «congedo» di monsignor Georg Gaenswein, 63 anni, più noto come Padre Georg o come il «bel Giorgio» (perché tale è il suo fascino che ancora ci si chiede perché abbia sposato Dio), ci sarebbe una sorta di "vendetta" per il modo "maldestro" in cui è stata gestita la questione della firma di Benedetto XVI al libro del cardinale conservatore Robert Sarah, Dal profondo del nostro cuore. Un testo che ha fatto troppo rumore, in cui viene respinto qualsiasi "ammodernamento" della Chiesa, compresa la delicatissima questione dei "viri probati", ossia la possibilità di concedere il sacerdozio alle persone laiche, tema affrontato nel corso del Sinodo sull'Amazzonia. La tesi del libro, e quindi del Papa emerito, è che il celibato non si tocca. In contrasto, dunque, con quanto emerso dal Sinodo di fine 2019 che "apriva" all'ordinazione dei laici anziani almeno nelle aree più remote dell' Amazzonia.

In molti hanno voluto leggere in questo intervento una contrapposizione alle idee del Sinodo, alla quale padre Georg, per stemperare le polemiche, avrebbe messo una toppa, parlando di «equivoco» e spiegando che quello di Ratzinger altro non era che un contributo al libro e non una stesura a quattro mani. Pare, però, che dalle parti del Vaticano non l'abbiano presa molto bene. Da qui, volendo sposare la tesi del "diavolo", l' allontanamento, punta dell' iceberg di una serie di strappi all' interno delle mura sacre dove, si vocifera, i rapporti tra Francesco e monsignor Gaenswein non sono mai stati idilliaci.

C'è poi la versione ufficiale. Che è limpida come acqua di sorgente: «Nessun congedo», ma soltanto «una ordinaria ridistribuzione dei vari impegni e funzioni del Prefetto della Casa Pontificia che ricopre anche il ruolo di segretario particolare del Papa emerito», fa sapere Matteo Bruni, direttore della sala stampa vaticana. Troppo, infatti, il carico di lavoro per il monsignore, che è stato allo stesso tempo segretario particolare di Benedetto XVI al Monastero Mater Ecclesiae e prefetto della casa pontificia al Palazzo Apostolico. In pratica, significa gestire tutta l' agenda del Papa. Non un lavoretto da poco.

Per capire i delicati rapporti tra il prelato tedesco e l'"argentino", va detto che, oltre alla storia del libro, un anno fa all' arcivescovo fu tolta la competenza sulla Cappella Sistina, passata all' Ufficio delle celebrazioni liturgiche. Sulle sue spalle "pesa", inoltre, l' aver sostenuto che in Vaticano «c' è un ministero allargato con un membro attivo e un membro contemplativo. È come se Benedetto XVI avesse fatto un passo "di lato"», e non indietro. Come si ci fossero "quasi" due Papi. Parole pronunciate all' Università Pontificia nel 2016.

Infine, voci di corridoio dicono che padre Georg sia anche alle prese con problemi di salute. Da un "quadro" così dipinto, se ne deduce che continuare a gestire un doppio ruolo sia davvero difficile per il prelato tedesco. La dimostrazione sta nel fatto che da diversi giorni monsignor Georg Gaenswein è sparito dagli impegni pubblici di Papa Francesco e ora avrà più tempo a disposizione da dedicare a Benedetto XVI, di cui è stato segretario particolare durante il suo pontificato e anche dopo la rinuncia al "trono, nel febbraio del 2013. Ruolo che poi ha mantenuto con Francesco.

A parlare di «congedo» dal Vaticano è stato un giornale tedesco, il Tagespost, noto per le sue posizioni conservatrici. La testata, però, potrebbe aver "ricamato" non poco sulla faccenda allo scopo di alimentare le voci secondo cui all' interno delle mura vaticane regnerebbero grandi contrasti.

Da tempo la Chiesa tedesca ha intrapreso una battaglia contro l' ortodossia romana accusandola di essere «retrograda» e di non guardare avanti. Guardare avanti, per i prelati tedeschi, significa dare la Comunione ai divorziati, aprire al sacerdozio femminile e dire addio al celibato. Richieste troppo "avanti" e troppo estreme per poter essere prese in seria considerazione dal Vaticano. Difficile sapere dove sia la verità. L' importante, in questi casi, è avere fede.

di Tiziana Lapelosa e Caterina Maniaci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Manzarri Giovanni

    06 Febbraio 2020 - 13:09

    Forse mi sbaglio........ma questi pastori non predicavano l’amore la misericordia il perdono.....mio nonno diceva sempre che il motto dei preti era:”Fate quello che dico e non quello che faccio “ Boh i tempi saranno cambiati ma i valori non ci sono più

    Report

    Rispondi

  • dagoleo

    06 Febbraio 2020 - 13:03

    si perfetto. mettici il prete di strada uruguagio che ti piace tanto al suo posto. e come correttore bozze un bel gesto rivoluzionario, nomina Scalfari vescovo con potere su tutte le bozze di romana chiesa.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    06 Febbraio 2020 - 11:44

    Si chiama Francesco, ma nelle vendette sembra molto poco francescano.

    Report

    Rispondi

Cerca di salutare Giuseppe Conte, per la signora finisce in disgrazia: rovinosa caduta

Coronavirus? #Milanononsiferma, il video di Beppe Sala diventa virale su Instagram
Attilio Fontana con la mascherina in diretta: coronavirus, il colpo finale al governo Conte?
Coronavirus, Matteo Salvini: Conte? "L'ho telefonato... Macron e Merkel non avrebbero agito così"

media