Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il bollettino: 28 morti in un giorno, i casi a 3089. Borrelli: "Servono nuove e diverse misure"

  • a
  • a
  • a

Altro giorno, altro bollettino della protezione civile sull'emergenza coronavirus. I dati sono quelli diffusi da Angelo Borrelli, commissario straordinario all'emergenza. In primis, un dato che fa paura. Paura vera: i morti arrivano a 107 in totale: 28 i decessi registrati in un solo giorno, il più giovane dei quali ha riguardato una persona di 55 anni. 

I casi totali salgono a 2706 (cifra che schizza a 3089 considerando guariti e decessi). Nelle ultime 24 ore, i guariti sono stati 116: anche questo un dato in ascesa. Fanno impressione anche le cifre relative al tasso dei deceduti rispetto ai contagiati, ad oggi pari al 3,47 per cento; i guariti sono l'8,94 per cento. Dei malati, ad oggi, 1064 si trovano in isolamento domiciliare e 295 in terapia intensiva.


Lo stesso Borrelli ha confermato che dovremo prepararci a "misure nuove e diverse rispetto a quelle ad ora adottate". Insomma, lo scenario sta mutando. Sta peggiorando. E quanto detto dal commissario all'emergenza altro non fa che confermarlo. Per quel che concerne lachiusura delle scuole, la risposta è stata piuttosto esplicita: "Sono in attesa delle decisioni del governo", quasi un appello.


A livello globale, i casi totali sono saliti a 93.076, per 3.200 decessi. Nel dettagli i casi sono stati 80380 in Cina, 5328 in Corea del Sud, 2336 in Iran, e 3351 in Europa: 2502 in Italia, 212 in Francia, 196 in Germania, 151 in Spagna, 51 nel Regno Unito. Sono 3202 i decessi, di cui 2983 in Cina, 77 in Iran, 32 in Corea del Sud, 9 negli Stati Uniti. Sono 85 i decessi in Europa, di cui 80 in Italia. Le cifre sono state diffuse l’European centre for disease prevention and control.

Dai blog