Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Francesco Giorgino contro Giuseppe Conte: "Proroga allo stato d'emergenza? Stop ai giochi di potere"

  • a
  • a
  • a

Per Francesco Giorgino siamo in una "situazione d'eccezione". Si parla della proroga dello stato d'emergenza scelta da Giuseppe Conte, il termine forse "anticipato" al 31 ottobre. Un unicum nell'Europa alle prese con il coronavirus. E in un intervento sulla Gazzetta del Mezzogiorno, dopo un ragionamento sulla nostra architettura istituzionale, Giorgino sottolinea come "l'emergenza deve essere in atto effettivamente". Dunque si interroga: "Perché prorogare il ricorso ad un sistema decisionale varato nei mesi più difficili e drammatici della pandemia quando la situazione - a detta del governo e di molti presidenti di Regione - è sotto controllo, almeno al momento? Una possibile risposta a tale quesito - prosegue nel ragionamento - risiede nell'esigenza di munire la macchina dello Stato di strumenti celeri ed efficaci. Vero, ma non si dimentichi che la celerità e l'efficacia non sono compatibili solo con lo stato d'eccezione". In definitiva, secondo Giorgino, "vale la pena di ripristinare la normalità dei rapporti tra Governo e Parlamento se non si vogliono creare precedenti di cui pentirsi in futuro. Si pongano al centro dell'attenzione le soluzionni ai problemi dei cittadini e non le strategie politiche. Il Paese ha bisogno di verità e certezze, nel rispetto pieno e totale delle regole della democrazia. Non di giochi di potere", conclude Francesco Giorgino.

 

Dai blog