Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giuseppe Conte, lo sfogo dopo il voto su Open Arms: "Non temo i giochetti di Renzi, ma la tenuta del rapporto con il Paese"

  • a
  • a
  • a

E quando pensava di aver visto tutto da Matteo Renzi, Giuseppe Conte si sbagliava. Mai e poi mai il premier avrebbe pensato che il leader di Italia Viva sarebbe andato incontro a Matteo Salvini sul caso Open Arms. I renziani infatti hanno disertato il voto della giunta per l'immunità, concedendo un assist al leader della Lega che ha ottenuto un "no" al rinvio a giudizio. "La verità - si è sfogato l'inquilino di Palazzo Chigi secondo quanto riportato da Repubblica - è che per Renzi il merito non conta, usa sempre lo stesso metodo. Ma con me i giochetti e i ricatti non funzionano". Conte infatti sembra non caderci, per lui il fu rottamatore non avrà mai il coraggio di staccare la spina a questo governo, che peraltro ha contribuito a creare.

 

 

Piuttosto - scrive il quotidiano di Maurizio Molinari -, teme settembre. La crisi economica. Troppi dossier bloccati, l'incapacità di gestirli con la stessa fluidità di qualche tempo fa. "Il rischio è la tenuta del rapporto con il Paese. Se le misure economiche non funzionano, è un problema". Non solo, perché c'è un altro grosso timore dietro l'angolo: a settembre la finestra elettorale sarà chiusa, e per chi non vola nei sondaggi è meglio non rischiare le urne. Ed è proprio questo quello che Conte vuole evitare, soprattutto con un Movimento 5 Stelle sempre pronto ad aprire il fuoco. Se Italia Viva si può sostituire con con Forza Italia, lo stesso non si può dire del M5s. Meglio evitare strappi, dunque.

Dai blog