Cerca

dissesto idrogeologico

Fabio Rampelli, allarme a Coffee Break: "Siamo le Maldive d'Europa, l'Italia scomparirà"

27 Novembre 2019

2
Fabio Rampelli lancia l'allarme a Coffee Break: "Siamo le Maldive d'Europa, perché scompariremo"

Fabio Rampelli, ospite a Coffee Break, su La7, lancia un pesantissimo allarme sul dissesto idrogeologico del nostro Paese. Tra alluvioni, nubifragi, frane e infrastrutture che non reggono, il vicepresidente della Camera di Fratelli d'Italia, avverte: "Dovremmo essere maggiormente tutelati dall'Unione europea e non ci dà il 75 per cento dei fondi per il nostro territorio". E ancora, aggiunge Rampelli: "Siamo le Maldive d'Europa. Siamo destinati a scomparire anche se è una prospettiva al momento lontana nel tempo". Va aperta una vertenza, secondo Rampelli, "almeno per scorporare gli investimenti per viadotti e gallerie. Mi pare che invece siano questioni ridotte a mercanteggiamenti di basso profilo. Non si ha la consapevolezza che l'Italia balla su un crinale tra la faglia africana e quella euro-asiatica".  

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ROUTE66

    27 Novembre 2019 - 14:41

    IN TEMPI LONTANI ANCHE QUESTO MONDO SPARIRà,INGHIOTTITO DAL SUO SOLE. E QUESTA NON è UNA PROFEZIA MA UNA CERTEZZA. PERCIò CHE FARE?

    Report

    Rispondi

  • Carlito58

    27 Novembre 2019 - 14:25

    beh non ci vuole tanta materia grigia per arrivare a questa previsione !! ..... Uno sbaglio politico dietro all'altro ... è già scritto nella storia .. come era già scritto quella della grecia 10 anni fà. . Faremo la stessa fine. Andatevi un pò a vedere come se la passano.

    Report

    Rispondi

Liliana Segre, a Milano la marcia di solidarietà dei sindaci: "L'odio non ha futuro"

Matteo Salvini, messaggio ai giallorossi: "Il mio obiettivo è tornare al governo"
Zingaretti, l'amara ammissione sulla verifica di governo: "Dobbiamo ridare la fiducia agli italiani"
Mes, Giuseppe Conte: "Non temo il confronto con il Parlamento"

media