Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Attentato a Bruxelles, grida "Allah Akbar" e attacca: feriti due militari

Un uomo è stato neutralizzato dalla polizia, dopo un attacco con un'arma da taglio contro dei militari nel centro di Bruxelles. L'attacco sarebbe avvenuto a Boulvard Emile-Jacqmain, a pochi passi dalla Grande Place, secondo quanto riportano i media locali. La situazione è sotto controllo, anche se è stato instaurato un importante dispositivo di sicurezza. I due soldati attaccati con il coltello hanno sparato all'aggressore, un somalo di 30 anni, che sarebbe morto dopo aver gridato "Allah Akbar". Lo riferisce la polizia citata dal De Standaard e dal Nieusblad. I due militari sono stati feriti: uno al volto e l'altro ad una mano. Non si contano altre persone coinvolte nell'aggressione. Lo riferisce la procura di Bruxelles. Non sono ancora state ipotizzate le ragioni del gesto anche se il modus operandi, l'aggressione a soldati o poliziotti con un'arma da taglio, ricorda quello dei «cani sciolti» di Isis ma nè la procura nè la polizia di Bruxelles si sono sbilanciati in alcun modo sulla matrice del gesto.

Dai blog