Cerca

La coppia che non t'aspetti

Hollande e Obama, nasce
l'asse anti-cancelliera

I due leader dal G8 di Camp David: "Puntare sulla crescita". La linea del rigore in minoranza

Mario Monti non prende posizione: "Conciliare rigore e crescita". Ma la Merkel uscirà dal summit statunitense ancora più debole
Francois Hollande e Barack Obama

Nasce l'asse anti-Merkel

A Camp David i big mondiali si riuniscono per il G8. L'aria è tesa. Tengono banco la crisi dell'euro e le indiscrezioni che arrivano da Atene, che ha rivelato come Angela Merkel abbia chiesto al paese ellenico un referendum per decidere se restare o meno nell'euro (puntuale, e ovvia, è arrivata la smentita della Cancelliera). Al centro dell'attenzione c'è la Merkel, a cui si rivolgono anche il presidente francese, Francois Hollande, e quello statunitense, Barack Obama. I due, in coro, insistono: "La crescita è la priorità". Non il rigore, sventolato e difeso strenuamente dalla Merkel. Il G8, Merkel esclusa, punta sulla crescita: le posizioni della cancelliera sono quelle di una (pur forte) minoranza.

Il nuovo asse - Obama cerca nell'Eliseo - e la trova - una sponda per far passare il suo messaggio al Vecchio Continente: "Il consolidamento delle finanze pubbliche - spiega Barack - va affiancato da misure che garantiscano la crescita dell'economia". Per questo, ha aggiunto "il summit discuterà di una forte agenda per la crescita". Subito è arrivata la risposta affermativa di Hollande: "La crescita economica deve essere la priorità". Quindi i due leader all'unisono spiegano che "la Grecia deve restare nell'Eurozona". Altro che referendum sulla moneta unica. 

Monti in mezzo al guado - Il premier italiano, Mario Monti, si mantiene su posizioni intermedie e spiega che è necessario conciliare "rigore e crescita". Secondo il professore, la visione tedesca più rigorosa sul fronte fiscale e lo stimolo della crescita attraverso la domanda devono essere concilianti. Monti spiega poi che è importante capire di che tipo di domanda si parla. "Se è per rimuovere colli di bottiglia nella fornitura di beni e servizi - ha spiegato -, quindi in generale di domanda di investimenti, allora dovrà essere guardata in maniera più positiva di quanto fanno le autorità europee più conservatrici". Al contrario, se diventa una crociata 'cross the board' per una maggiore domanda allora credo che la riluttanza tedesca non sia del tutto infondata".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iose

    19 Maggio 2012 - 20:08

    se volete sapere il perchè gli italiani sono sempre molto stimati(si fa per dire ) all estero ve lo spiegano le parole di monti.....

    Report

    Rispondi

  • Liberopensatore1950

    19 Maggio 2012 - 13:01

    Per crescere un Figlio, ti devi impegnare prima con pappe e pannolini, poi con ansia e preoccupazione sino a quando crepi, è tuo Figlio. Per far crescere una piantina, devi zappare, concimare, bagnare, piantare la creaturina e curarala come un bambino. Questi che hanno sempre il fondoschiena scaldato da poltrone e non sanno neppure pensare a cosa possa essre la Vita, la durezza della Vita, con le parole e la stesura di sterili intenti, che devono considerare il loro porci amici finanzieri, ci distruggeranno come nel fil 2022 i sopravvissuti; ricordate le gallette soylent verdi e rosse? ci siamo quasi.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    19 Maggio 2012 - 13:01

    Bene fa Monti a non prendere posizione.Troppo rigore e rischia di essere cacciato dal governo.Troppa crescita e rischia di essere cacciato dai banchieri. Meglio aspettare tempi migliori,tanto che fretta c'è?

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    19 Maggio 2012 - 12:12

    Non prendere posizione è tipico dei politicanti italiani.Stare sempre al centro pronti a pendere dalla parte del più forte senza considerare se è anche il più giusto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog