Cerca

L'editoriale

Fuori le telefonate del presidente

La ricostruzione di "Panorama" smentita dal Colle ma non da Mancino: ora solo Napolitano può mettere fine a sospetti e veleni

31 Agosto 2012

8

Siamo alle solite: appena viene pubblicata una notizia che non garba, l’apparato politico-mediatico tanto caro alla sinistra si dà da fare per squalificare l’informazione, bollandola come torbida manovra della macchina del fango. È successo anche ieri, con l’articolo in cui Panorama rivelava il contenuto delle telefonate tra Giorgio Napolitano e Nicola Mancino intercettate dalla Procura di Palermo. L’operazione è stata preceduta da giudizi poco lusinghieri nei confronti del settimanale diretto da Giorgio Mulé, bollato come organo al servizio del potere berlusconiano. Poi è arrivata la velina del Quirinale, con cui il presidente della Repubblica chiamava a raccolta i suoi fan per respingere la manovra destabilizzante e la campagna di insinuazioni e sospetti. La ricostruzione delle frasi pronunciate dal capo dello Stato sarebbe tarocca, al punto che dal Colle si sono spinti a definire lo scoop del giornale mondadoriano come un autentico falso. Niente insulti ai pm di Palermo, nemmeno un appunto a Berlusconi, neanche una parola su Di Pietro: tutto inventato. A sentire il Quirinale si tratterebbe di una manipolazione. Ma se così fosse   non si capisce  come mai il capo della Procura  siciliana abbia annunciato l’apertura di un’indagine per verificare se vi sia stata violazione di qualcosa o una fuga di notizie. Se a Panorama si sono inventati ogni riga, cosa c’è da scoprire? Se si tratta di una bufala, che c’entrano i magistrati palermitani?  Al massimo il settimanale sarà perseguito dai giudici della località in cui viene stampato. Non solo. Se davvero lo scoop è un flop, ma perché mai ieri mattina Nicola Mancino non ha detto chiaro e tondo che lui e il presidente non si erano mai scambiati quelle frasi? Al contrario, interpellato, l’ex ministro dell’Interno, nonché già presidente del Senato e vicepresidente del Csm, si è fatto sfuggire alcune frasi sibilline: «Non sono io a dover dire se corrispondono al vero o no. Gli atti dovrebbero essere secretati e non si capisce chi ne ha violato la secretazione». Delle due l’una: o la rivelazione di Panorama è falsa e dunque non c’è stata alcuna violazione del segreto istruttorio, oppure le frasi sono vere e perciò la fuga di notizie c’è.

Insomma, più si va avanti e più la faccenda si intorbidisce,  non per colpa dei giornali, ma per la reticenza dei protagonisti di questa storia. I quali fanno a gara nell’alzare un polverone, nel tentativo di far perdere l’orientamento a chi ha intenzione di capirci qualcosa. Da due mesi i giornali e la politica si interrogano su quanto ha detto il capo dello Stato nelle intercettazioni captate dai pm di Palermo. La Procura nega che vi sia qualcosa di penalmente rilevante, ma per ora si tiene le registrazioni evitando di distruggerle. A questo punto il presidente della Repubblica ricorre alla Corte costituzionale, per ottenere ragione nello scontro con i pubblici ministeri siciliani. Sui giornali e in bocca ad alcuni onorevoli cominciano a circolare le prime indiscrezioni a proposito del contenuto delle conversazioni tra Napolitano e Mancino. Infine, ecco arrivare Panorama che pubblica la sintesi di quelle frasi, con la bufera politica che ne segue e l’accusa per il settimanale della Mondadori di aver ordito una torbida manovra. Tuttavia, se davvero il capo dello Stato avesse voluto evitare insinuazioni e manipolazioni, se davvero non avesse nulla da nascondere, nemmeno l’imbarazzo per ciò che ha detto al telefono, sarebbe bastato che lui stesso rendesse pubblico il suo pensiero, evitando speculazioni o sospetti di ricatti. Il presidente della Repubblica sa ciò che ha detto al telefono e se ha perso la memoria basterebbe una conversazione con i pm di Palermo, sua o di qualche suo funzionario, a rinfrescargliela. Dunque, se vuole evitare che il clima di veleni e di sospetto si diffonda, non servono le veline, rilanciate dalla stampa e dai partiti amici: è sufficiente che Napolitano parli e racconti di che cosa ha discusso con Mancino. Lo abbiamo già scritto: più il tempo passa e i tentativi di tener segrete le intercettazioni aumentano e più cresce la curiosità di conoscere cosa c’è in quelle registrazioni. Una curiosità che non si placherà con il «Non ci sto» diffuso ieri dal suo ufficio stampa.

di Maurizio Belpietro

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    02 Ottobre 2013 - 06:06

    Calabresi è come Bobo Craxi, suo padre trattato da fascista dai comunistacci e da tutte le lobby (da Scalfari a D'Alema) ora fa il direttore al giornale dei comunistacci. Bobo, invece, siede nei banchi del transatlantico insieme all' ex magistrato D'Ambrosio, quello che ha fatto crepare il padre all'estero per mancanza di cure (se viene in Italia per curarsi lo arrestiamo) non so quel pirla come fa a votare le stesse leggi che vota quello che ha fatto morire suo padre.

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    01 Settembre 2012 - 00:12

    Bisognerebbe che chi è eletto , tanto peggio chi non lo è direttamente dal popolo come il presidente della repubblica, si comportasse con rettitudine e amor di patria prima di tutto !! Che l'Italia non è bianca nera o rossa ... è innanzi tutto degli Italiani ... d'Italia !!! Certo con non poca utopia e cecità ... questo è pretendibile ... ma se servono delle telefonate a capire cosa hanno combinato i comunisti e le sinistre .... i casi sono due .... io sono preveggente e mago (ahahahahahah) o gli altri guardavano altrove !!! Ma la mafia secondo voi chi appoggia ??? Chi tratta con la mafia ??? perchè la mafia tratta con certi partiti ??? Non avete ancora una risposta ??? leggete troppe fiabe .... mentre basta aprire gli occhi !!! Chi è colpevole ... d'ha sempre la copla agli altri !!! Tutto lì !!!!

    Report

    Rispondi

  • kIOWA

    31 Agosto 2012 - 19:07

    Non capisco perchè chiedere la pubblicazione delle presunte telefonate tra il Sen.Mancino e il Presidente Napolitano,faccia gridare al complotto ,al ricatto o altro.Se si fosse trattato di Berlusconi con le sue amiche il problema non sarebbe sorto,oltre alle telefonate avremmo avuto anche le eventuali foto con dovizia di particolari.Meditate gente. meditate

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media