Cerca

Attentato a Brindisi

Cancellieri: attentato anomalo. Il dolore di Napolitano

Il ministro dell'Interno: non possiamo escludere nessuna pista

Cancellieri: attentato anomalo. Il dolore di Napolitano

Il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, preferisce non sbilanciarsi sull'attentato che sabato 19 maggio ha sconvolto Brindisi e il mondo intero. Le bombe davanti all'istituto professionale dedicato a Morvillo e Falcone, scoppiate pochi giorni prima l'anniversario dell'attentato in cui morirono il giudice e sua moglie, hanno causato una vittima, Melissa Bassi, 16enne di Mesagne: "Stiamo lavorando su più piste. Dobbiamo ancora individuare un filone preciso di indagine. E' prematuro parlare di attacco mafioso. Si tratta di un atto complesso e anomalo che desta preoccupazione. Mi colpisce molto che le bombe siano esplose davanti a una scuola intitolata a Falcone, ma non abbiamo per ora certezze. Dobbiamo essere cauti" dice la Cancellieri. Il dubbio è che la cautela sia anche troppa: arriverà a Brindisi solo nel pomeriggio. Dell'attentato ne ha parlato anche con Monti: "E' molto addolorato" ha detto alla Cancellieri. Giorgio Napolitano segue con apprensione gli sviluppi delle indagini e, informato del primo angoscioso bilancio, è vicino ai familiari della vittima, ai feriti e all'intera collettività brindisina. Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, invece, è in partenza per Brindisi e si recherà sul luogo dell'esplosione.

Il Presidente della Repubblica - Anche Giorgio Napolitano è intervenuto per esprime il suo profondo dolore per la perdita  della giovane vita di Melissa stroncata dal barbaro attentato  a Brindisi, per le gravissime condizioni di Veronica e per le ferite riportate da altre ragazze dell’Istituto professionale  intitolato a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo". "Nello stringersi - si legge nel comunicato - con affettuosa solidarietà ai   famigliari e alla comunità scolastica, il Capo dello Stato auspica e sollecita il più rapido ed efficace svolgimento delle indagini volte a individuare la matrice e i responsabili di questo sanguinoso attacco alla convivenza civile. Il Presidente Napolitano rinnova, nello stesso tempo, l’appello alla vigilanza e al fermo e concorde contrasto nei confronti di ogni focolaio di violenza eversiva".

Il premier - Il presidente del Consiglio Mario Monti, è stato informato durante la notte a Camp David dove si trova per il G8. In stretto contatto telefonico con il ministro dell’Interno Cancellieri, il prefetto di Brindisi Nicola Prete, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà e il sottosegretario alla Presidenza, Autorità delegata per i Servizi di informazione Gianni De Gennaro, Monti ha disposto l’esposizione delle bandiere a mezz'asta per oggi e per i prossimi tre giorni e ha espresso telefonicamente al sindaco di Brindisi Cosimo Consales e al presidente della Regione Puglia Nichi Vendola solidarietà e cordogli. Il premier ha poi parlato con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, assicurandogli che il governo "intende operare con fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità e favorire la massima coesione di tutte le forze politiche e sociali per  prevenire il ritorno nel nostro Paese di tentazioni eversive". Infine, in conferenza stampa dall'America, ha esordito nel suo intervento parlando della tragedia: "Seguo da vicino sia le indagini che le attività di governo. Queste povere ragazze e ragazzi sono vittime di un atto senza precedenti come inciviltà, il governo intende avere la più grande fermezza e determinazione nel contrasto a ogni tipo di criminalità e intende operare perché il paese sia più che mai unito in questi momenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tunnel

    19 Maggio 2012 - 17:05

    UN APPELLO ALLA Sig.ra MONISTRA CANCELLIERI, In Italia purtroppo dal 1968 al 1980 ,ci sono state diverse stragi con parecchi morti e feriti, purtroppo mio malgrato, Le devo ricordare che anche quella volta i terroristi sono stati arrestati, però sono stati tutti rilasciati e assolti e questo è secondo Lei,uno Stato Civile,perciò è inutile prenderli fare dei processi lunghissimi e costosi,per poi rilasciarli e assolverli.faccia Lei e passi parola...

    Report

    Rispondi

  • 031935

    19 Maggio 2012 - 15:03

    dover spostare l'appuntamento dal parrucchiere!!!!!!!!!!!! VERGOGNA!!!!!!!! Monti almeno questa volta faccia qualcosa di buono e frusti i suoi ministri!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    19 Maggio 2012 - 15:03

    mi domando se le intercettazioni telefoniche servano solo a carpire segreti personali ed intimi di alcuni personaggi politici a cui la magistratura si dedica spasionatamente e morbosamente da 20 anni oppure servano anche a scoprire imminenti attentati a gente comune come noi.mi lascia purtroppo basito la dichiarazione di manganelli il quale afferma che li prenderemo e saranno condannati all'ergastolo;in italia sono pochi quelli che scontano tale pena, non ultimo la strage di pzza fontana che non ha trovato a distanza di decenni alcun colpevole.ci vorrebbe e la pena di morte per tali deiquenti, almeno una certezza l'avremo: i prossimi colpevoli non saranno tra loro

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    19 Maggio 2012 - 15:03

    ...in questa occasione il massimo vertice del Viminale,magari accompagnando il presidente della Repubblica,avrebbe avuto il dovere di recarsi immediatamente sul luogo,testimoniando non solo la presenza dello stato ma anche e soprattutto la vicinanza alle vittime,ai loro familiari,alla societa' salentina tutta.Le psole parole di condanna e di solidarieta' rischiano di apparire vuote e stucchevoli,oltre che inutili.Ad un attentato con forte significato simbolico,no e' a mio avviso sufficiente rispondere come han fatto Cancellieri e Napolitano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog