Cerca

Grana erotico-giudiziaria

Berlusconi, processo escort a Bari: "bunga bunga 2" in campagna elettorale. Tarantini: "Ero pazzo per il Cav"

L'8 febbraio sfileranno in Tribunale le ragazze di Palazzo Grazioli: dalla D'Addario alla Montereale, risvolti hot a pochi giorni dal voto. Gianpy: "Per Silvio ero diventato un bimbo scemo, cantavo le sue canzoni"

Berlusconi, processo escort a Bari: "bunga bunga 2" in campagna elettorale. Tarantini: "Ero pazzo per il Cav"
Non solo bunga bunga. Un'altra bomba erotico-giudiziaria sta per scoppiare su Silvio Berlusconi e lo farà in piena campagna elettorale, ancora una volta: l'8 febbraio infatti è in programma a Bari l'udienza del processo che vede accusato di prostituzione l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e altri personaggi "mediatori", in primis Massimiliano Verdoscia e Sabina Began, l'Ape regina, che avrebbero condotto alla residenza romana dell'allora premier, Palazzo Grazioli, ragazze poi rivelatesi escort. Mentre Tarantini ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato, gli altri imputati di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione procederanno con rito ordinario. Via, dunque, alle deposizioni delle testimoni. Attesa soprattutto per Patrizia D'Addario (che avrebbe intenzione di costituirsi parte civile), Barbara Montereale e Lucia Rossini, le escort che testimoniarono le serate a casa di Silvio con autoscatti dai cellulari e registrazioni telefoniche. Come accaduto a Milano con Ruby, Marysthelle Polanco, Chiara Danese e compagnia, dunque, anche da Bari potrebbero arrivare pagine imbarazzanti per Berlusconi e per giunta a pochissimi giorni dal voto.

Accuse a Tarantini, Cav e Lavitola - Tarantini continua a respingere le accuse, sostenendo di non aver mai riferito a Berlusconi che le ragazze che lui gli procurava fossero escort. Su questo punto però c'è un'altra inchiesta che vede lo stesso Berlusconi e il faccendiere Walter Lavitola accusati di minacce e di corruzione nei confronti di Tarantini: secondo i pm, infatti, l'imprenditore avrebbe ricevuto 20.000 euro, il pagamento dei legali e una promessa di altri 500.000 euro in cambio del silenzio o di una versione "favorevole" nei confronti del Cavaliere.

Il verbale di Tarantini - E Fiorenza Sarzanini, sul Corriere della Sera di oggi, rivela i dettagli del verbale dello stesso Tarantini redatto in occasione del suo interrogatorio nel novembre 2009. "Custodivo l'amicizia con Berlusconi come un bambino fa con i propri giocattoli - diceva l'imprenditore barese agli inquirenti -. Per lui mi sarei fatto tagliare un braccio, anzi tre. Anzi tutte le gambe, le braccia, la testa. Ho conosciuto il presidente e sono completamente impazzito. Per me non era un problema spendere 50mila euro per portagli le ragazze. Tornavo a casa come un bambino scemo. Per me in quel momento della mia vita esisteva solo lui. Tornavo a casa mi sentivo i cd con le sue musiche, in macchina c'erano solo canzoni e musiche di Berlusconi, a mia figlia ho insegnato a memoria Meno male che Silvio c'è". Naturalmente c'era una contropartita: "Affari", spiegava generico Tarantini citando poi appalti con Protezione civile e Finmeccanica: "Erano operazioni che mi avrebbero cambiato la vita perché avrei guadagnato 14 milioni di euro insieme all'imprenditore Enrico Intini. Ma per me che andasse in porto o no, l'importante era essere amico di Berlusconi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gianna Lorella

    12 Aprile 2013 - 21:09

    Ma è possibile essere spiato, intercettato, tradito, registrato, filmato e ricattato, perfino nella propria casa? Ma la privacy dov'è finita, la libertà personale di avere la propria intimità domestica dove cavolo è finita?

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    15 Dicembre 2012 - 15:03

    Una cosa è certa, a quel tempo in Puglia c'era ancora qualcuno cui piacevano le donne... oggi mah!!

    Report

    Rispondi

  • Picobello

    15 Dicembre 2012 - 14:02

    che solo perché è implicato Berlusconi, si debba rimandare il processo. Poi direste che dura troppo...Mettetevi daccordo.

    Report

    Rispondi

  • latotola

    15 Dicembre 2012 - 09:09

    Con ste scopate di berlusconi, ben oltre i 70 anni avrebbe dovuto prendere tanto di quel viagra da fargli scoppiare il cuore decine di volte, al massimo avrà dato qualche sbirciatina o palpatina a ragazze accondiscendenti. E poi, scusate, ognuno è libero di spendere i propri soldi come ca.zo gli pare. O in Italia vogliamo impedire anche questo, comunistissimi che non siete altro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog