Cerca

La casa

Renzi: "In via Alfani ero un ospite"

Renzi: "In via Alfani ero un ospite"

Dopo due settimane Matteo Renzi prova a fare chiarezza sulla casa di via Alfani. Lo scoop di Libero ha rivelato come il premier abbia alloggiato a Firenze, durante il suo mandato da sindaco, grazie all'amico Marco Carrai che ha pagato le spese di affitto per conto dell'allora sindaco.

La risposta a Libero - In una nota lo staff di Renzi risponde a Libero: "In questi anni Renzi ha vissuto a Pontassieve, come ben sanno tutti i giornalisti fiorentini che lo hanno seguito a lungo. La casa di via Alfani - prosegue la nota - è stata per alcuni anni la casa di Marco Carrai, pagata dallo stesso Carrai. Non era, dunque, la casa di Renzi pagata da altri, ma la casa di Carrai pagata da Carrai. Renzi ha usufruito in alcune circostanze dell’ospitalità di Carrai, il cui contratto di affitto dell’appartamento è stato già reso pubblico". Inoltre "Renzi ha affittato per circa un anno un appartamento a Firenze, nel 2009, in via Malenchini. Ovviamente a sue spese".

I dubbi sulla residenza - Su questo punto però i dubbi aumentano. Renzi a Firenze aveva la residenza. I fatti come ha ricostruito Libero sono chiari. Nel 2009 Renzi trasloca a Firenze in via Malenchini 1, a 400 metri dal suo nuovo ufficio di sindaco; nel 2011, non riuscendo più a sostenere l’esborso di mille euro al mese d'affitto, decide di lasciare la mansarda di proprietà degli aristocratici Luigi Malenchini e Livia Frescobaldi. Per questo trasferisce la residenza in via Alfani, nell'appartamento preso  in locazione da Carrai, amico e finanziatore del sindaco. Dunque Renzi lascia che sia Carrai a sopportare il peso dell’affitto della casa. In realtà gli inquilini di via degli Alfani 8 intervistati sempre da Libero ricordano il sindaco, ma non Carrai.  Insomma la risposta di Renzi lascia molti punti oscuri sulla vicenda. Nella casa di via Alfani Renzi avrebbe alloggiato per circa 32 mesi. Un pò troppi per un semplice "ospite".

L'assunzione alla Chil - Infine Renzi risponde anche sul caso della sua assunzione alla Chil. "L'assunzione è avvenuta l’anno precedente a quello della sua elezione a presidente della provincia di Firenze, per l’ennesima volta va ricordato che l’assunzione fu la conseguenza di un cambio al vertice della azienda che produsse l’esito di un diverso inquadramento contrattuale. All’interno peraltro di una azienda in cui Renzi lavorava già da 9 anni. Nessuna assunzione fittizia last minute, dunque, ma un diverso inquadramento dopo nove anni di attività nell’azienda". Insomma il premier prova chiudere il caso. Ma i dubbi su quell'affitto restano e sono ancora tanti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mickjager

    21 Marzo 2014 - 18:06

    Ma pensate che dopo vent'anni durante i quali siamo passati da Mangano alla dama bianca, dalle olgettine alle cene eleganti, da personaggi inqualificabili a quelli innominabili. Vent'anni di cerchi magici vari. Vent'anni in cui abbiamo annusato letame. Ebbene dopo vent'anni così pensate di interessarci per un appartamento affittato e non si sa bene da chi usato. Ve la dico alla Ghedini: ma va la.

    Report

    Rispondi

  • alvit

    21 Marzo 2014 - 15:03

    certo che ci vuole proprio una faccia da k@@o come questo, per sostenere una farsa simile. Pensate che ci sono anche dei cojons che ci credono e giurerebbero sulla propria madre. Ops ma le loro madri sono tutte sessantottine o ci sono anche le nonne e le sorelle, vuoi vedere che non sanno esattamente chi è stato il loro genitore 2. Se facessero il DNA a questi...tutti figli di fascisti.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    21 Marzo 2014 - 14:02

    eh si, perchè convince Silvio quando dice che paga le olgettine perchè non trovano lavoro... ma vergognatevi

    Report

    Rispondi

  • filder

    21 Marzo 2014 - 13:01

    non poteva non sapere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog