Cerca

Riforme in salita

Saggi in rivolta contro Letta:
"Siamo troppi e non contiamo"

Oggi la Commissione varata dal premier salirà al Quirinale. Ma al suo interno serpeggia già la sfiducia. Ennesimo inutile carrozzone?

Saggi in rivolta contro Letta:
"Siamo troppi e non contiamo"

Oggi salirà al Quirinale, dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ma la commissione dei 35 saggi rischia già di perdere alcuni pezzi ancor prima di essersi messa al lavoro. La prima a "ribellarsi" a Letta è  Lorenza Carclassare, professoressa emerita di diritto costituzionale all'Università di Padova: "Forse ho sbagliato, alla fine, ad accettare, nelle mie perplessità, A questa aspirazione autoritaria io non ci sto e quindi la mia idea sarebbe di portare la mia voce dissidente, ma forse ho sbagliato perché questa voce dissidente non avrà alcuno spazio" dice la Carclassare a Radio Radicale. Che poi si dice contraria a "cambi alla forma di governo, perché non si possono scaricare sulla Costituzione le incapacità della classe politica". Altra voce critica è quella di Augusto Barbera, che in un'intervista al Quotidiano Nazionale ammette: "Noi non siamo ministri. Possiamo dunque permetterci di lavorare nell'ombra". In ogni caso, "fossimo rimasti 25 sarebbe stato meglio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    07 Giugno 2013 - 14:02

    A parte i convenevoli ,ma a buttare giu' due ideee per cambiare e aggiornare la costituzione cosa serve ? Basta parole e qua qua qua ... vogliamo i fatti le idee ... o sono li' a prendere soldi anche questi ?

    Report

    Rispondi

  • accanove

    06 Giugno 2013 - 18:06

    se hanno bisogno dei saggi significa che non sanno che pesci pigliare, quello che bisognerebbe fare lo sa anche la casalinga di Colegno ma non sanno quali privilegi andare a toccare per primi così cercano di nascondersi dietro ai saggi, "va avanti tu che a me vien da ridere"

    Report

    Rispondi

  • accanove

    06 Giugno 2013 - 18:06

    se hanno bisogno dei saggi significa che non sanno che pesci pigliare, quello che bisognerebbe fare lo sa anche la casalinga di Colegno ma non sanno quali privilegi andare a toccare per primi così cercano di nascondersi dietro ai saggi, "va avanti tu che a me vien da ridere"

    Report

    Rispondi

  • raffaugello

    06 Giugno 2013 - 14:02

    In effetti, non c'era proprio bisogno di creare quest'altra pletora di Saggi. Il Parlamento che ci sta a fare? Oppure, si tratta solo di menar il can per l'aia, per perder tempo e non fare nulla di nulla?!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog