Cerca

Tanti saluti agli sciacalli

Matteo Salvini, l'ex ambasciatore a Mosca Sergio Romano lo assolve: "Inverosimile". Russia, cosa non torna

14 Luglio 2019

1
Matteo Salvini, l'ex ambasciatore a Mosca Sergio Romano lo assolve: "Inverosimile". Russia, cosa non torna

"È visibile, in uno scenario infiammabile come quello italiano, l'interesse a sbarazzarsi di un avversario politico". Sergio Romano, ex ambasciatore italiano a Mosca, di cose russe è forse il massimo esperto in Italia (e non solo). Il 90enne editorialista del Corriere della Sera, intervistato dal Giornale, si dimostra molto scettico sull'inchiesta sui presunti finanziamenti russi alla Lega: "Fino a quando non ci sono prove non credo che ci sia stato uno scambio di denaro". 

Su Gianluca Savoini, indagato per corruzione internazionale, è chiaro: "Il mondo è pieno di figure che immaginano cose e che si lasciano prendere dall'immaginazione. Ma in politica non si può lavorare di immaginazione e io consiglio tutti, in Italia, di tenersi lontano da questo gioco". Di due cose l'ex ambasciatore è sicuro: "La Russia sta forzando per mettere fine alle sanzioni, da parte loro c'è molta irritazione e rabbia", le stesse nutrite in Lombardia e Veneto "da parte di medie industrie che dalle sanzioni sono state danneggiate". E la Lega è stato il partito che più di tutti ha difeso questi interessi. Ma sicuramente, ecco la seconda certezza di Romano, "non è verosimile" che Mosca e Vladimir Putin stiano usando la Lega in chiave anti-europea. "Per una semplice ragione: è vero che la Russia ha i suoi servizi che lavorano dietro le quinte ma, quando si tratta di forzare le relazioni, dialoga sempre e solo con gli Stati. La Russia non si fida dei singoli partiti italiani. Il loro pensiero è semplice: non si fanno affari seri se non fra Stati".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gbozz

    14 Luglio 2019 - 23:11

    Sergio Romano che seguo da decenni mi sembrerebbe , nonostante l'età, la persona giusta per la Farnesina; gli ultimi ministri degli esteri non hanno sicuramente brillato.

    Report

    Rispondi

media