Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Flavio Briatore, la paginata di fango del Fatto Quotidiano: "Il suo inizio è col botto: dieci chilogrammi di tritolo piazzati nella Bmw”

  • a
  • a
  • a

Il Fatto Quotidiano non si smentisce mai e getta schifo anche su Flavio Briatore positivo al coronavirus. Il quotidiano di Marco Travaglio dedica all'imprenditore un'intera paginata. Qui, a firma di Pino Corrias , si legge un articolo da brividi: "Ora che il malanno si quietò, possiamo stappare, brindare, sorseggiare la solita bottiglia di Krug Gran Cuvée millesimato da 1.140 euro la bottiglia. E metterci comodi per raccontarvi la storia di Flavio Briatore". Inizia così il ritratto dell'imprenditore definito "un unicorno con fibbie in oro, incenso e mirra che galleggia nel vasto mare dei mediocri incantati dal suo mantra". Ma - prosegue Corrias - "avvicinandosi, il miraggio si sgonfia. È solo aria frizzante per gonzi. E il primo gonzo è lui. Anche se non se lo ricorda nessuno, il suo inizio è col botto, dieci chilogrammi di tritolo piazzati nella Bmw del suo primo socio in affari, un tale Attilio Dutto, finanziere, palazzinaro, giocatore d'azzardo, che salta per aria una mattina di primavera del 1979. Non a Palermo o a Beirut, ma a Cuneo. E in quella automobile sarebbe dovuto salire anche Briatore, che invece era arrivato all'appuntamento con un provvidenziale quarto d'ora di ritardo".

 

 

Il Fatto non è nuovo a tirare fuori inchieste finite in un nulla di fatto pur di attaccare i "nemici" e, anche questa volta non è da meno: "L'inchiesta - che sfiorerà un paio di famiglie mafiose e un giro di bische clandestine - finisce nel nulla. Briatore si eclissa. Ricompare nella Milano anni Ottanta, con una compagnia di prima classe, Bettino Craxi, Lele Mora, Iva Zanicchi, e naturalmente Fede con cui organizza partite a poker per polli da spennare. Fino a quando - prosegue - un paio di magistrati a Milano e Bergamo incriminano la coppia alla voce "banda dei bari". Meno male che quando arriva il mandato di cattura, Briatore sta facendo il bagno a Saint Thomas, isola dei Caraibi, dove l'estradizione compare solo nell'elenco dei cocktail per vip". Nulla da aggiungere, un'altra e gratuita colata d'odio.

Dai blog