Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Storie Italiane, l'avvocato di Diego Maradona: "Quel container verrà aperto". Cosa contiene, una bomba: cambia la storia dell'argentino?

Francesco Fredella
  • a
  • a
  • a

C’è un indizio. Potrebbe esserci, condizionale d’obbligo, un testamento di Diego Maradona. E così la faccenda legata all’eredità potrebbe avere tutta un’altra piega. La bomba viene sganciata da Storie Italiane dove in collegamento su Rai 1 con Eleonora Daniele c’è l’avvocato Angelo Pisani, storico avvocato e intimo amico del Pibe de Oro. Che parla, in prima battuta, del container con i cimeli di Maradona. “Questo container oggi o tra una mese dovrà essere aperto”, dice Pisani che fa riferimento al luogo dove sono conservate tutte le memorie di Maradona. Si tratta di oggetti costosissimi: dall’anello alle foto, passando per le coppe la lettera di Fidel Castro. Ma Pisani puntualizza che in questa fase sono fondamentali - se ci fossero - le decisioni testamentarie di Maradona. E lascia intendere che un testamento potrebbe esserci.  Ovviamente si tratta di una supposizione, nulla di più. Questa dichiarazione, però,ha un peso specifico notevole: l’avvocato, ovviamente, non dà nulla per certo. La possibilità che il Pibe de Oro possa aver messo tutto nero su bianco in effetti potrebbe aprire un un nuovo. scenario. 

 

Intanto, come si è saputo, il calciatore aveva intenzione di lasciare tutto in beneficenza donando una parte dei suoi beni ai propri figli. Ci sarà un testamento che possa, finalmente, fare chiarezza sull’asse ereditario? Pisani non parla di guerra all’eredità tra i figli legittimi - ce ne sono,al momento, due presunti che sostengono di essere figli del Pibe de Oro. Ma tra le sorelle di Maradona da una parte e i figli legittimi potrebbe realmente esserci una corsa al patrimonio ingente del calciatore. E resta il giallo del container con i cimeli di un’una vita. Sarà stato realmente aperto? “Morla è in vacanza in questi giorni”, dice Pisani (Matias Morla è uno degli storici avvocati di Maradona). La Daniele, che sta seguendo con particolare attenzione il caso, risponde: “Basta una firma per far aprire quel container. Sembra che sia stato aperto”. Il giallo s’infittisce. 

 

Dai blog