Cerca

Italia nella morsa

A rischio case, conti, titoli

Nel mirino del governo beni e denaro per 8mila miliardi. Pronta la stangata sui fondi in Svizzera

Il sostenitori si divino tra lìimposta ordinaria e la "botta secca". Il Pd insiste per colpire le residenze di lusso
A rischio case, conti, titoli

 

di Francesco De Dominicis

Ci risiamo. Vuoi l’emergenza finanziaria vuoi la necessità di alcuni schieramenti politici - costretti, per dare segni di vita, a piazzare qualche bandierina - torna prepotentemente sulla scena l’ipotesi di una patrimoniale. Una botta secca che corre il rischio di aggredire principalmente gli immobili e poi dare una bella tosata anche ai conti correnti, depositi bancari, risparmi e investimenti. Il premier Mario Monti, ogni volta che se ne parla, smentisce che ci siano progetti di patrimoniale. Tuttavia, del Governo delle tasse è meglio non fidarsi.  I supporter della patrimoniale si dividono in due gruppi: quelli che vorrebbero introdurre un’imposta ordinaria, con prelievo annuale; e quelli della «botta secca»  il cui ricavato servirebbe ad abbattere il debito, ormai vicino ai 2milia miliardi di euro. I conti pubblici - ribadisce da mesi il Governo - sono in sicurezza con un sentiero già tracciato che porterà al pareggio di bilancio  l’anno prossimo. Dovrebbe crescere  l’avanzo primario (previsto al 5%) consentendo - nelle  intenzioni dell’Esecutivo -   una riduzione automatica del debito. Ma dato il livello elevatissimo (in valore assoluto oltre 1.960 miliardi; il 123,4% in rapporto al Pil con i contributi per i fondi salva-Stati e i prestiti ai paesi in crisi) occorreranno  misure straordinarie per arrivare almeno alla soglia psicologica del 100%. Di qui lo spauracchio  patrimoniale.  

Tesoro da 8mila miliardi. Cosa potrebbe finire sotto l’eventuale  scure del Governo  non si sa. I numeri attorno ai quali ragionano i tecnici sono noti e vengono forniti dalla Banca d’Italia. I dati di via Nazionale rappresentano la fotografia del patrimonio degli italiani. Il tesoro da colpire, in totale,  vale 8.482 miliardi di euro ed è così ripartito. Ci sono anzitutto gli immobili (case e terreni) per complessivi 4.800 miliardi di euro. Poi i conti e depositi bancari per  1.385 miliardi. I titoli titoli italiani ammontano a 713 miliardi di euro, mentre quelli esteri si fermano a 130 miliardi. Arrivano a 186 miliardi, invece, i risparmi piazzati nei fondi di investimento; polizze vita e fondi pensione valgono 632 miliardi. Capitoli azioni: quelle di spa italiane valgono  482 miliardi, quelle di spa estere 154 miliardi.

Il Pd vuole colpire le case. Il Partito democratico ciclicamente torna alla carica sulla patrimoniale. Il progetto è affidato alle cure del responsabile economia, Stefano Fassina. Che propone, da tempo, un’imposta ordinaria (quindi permanente) e ad aliquota molto contenuta. I Democratici vorrebbero un’imposta progressiva destinata a prendere di mira i grandi patrimoni immobiliari. Due le aliquote immaginate dal Pd: 0,5% per gli immobili da 1,2 milioni  a 1,7 milioni di euro; 0,7% per proprietà  di valore superiore a 1,7 milioni. Il che vale a dire una batosta fiscale, da aggiungere all’imposta municipale unica (imu) pari a 6 mila euro per un appartamento da 1,2 milioni o di 10.200 euro per un immobile di 1,8 milioni. Si tratta  di importi corrispondenti a beni di pregio. Ma l’asticella potrebbe essere abbassata e la stangata potrebbe allargare il  raggio d’azione anche in caso di aggiornamento degli estimi catastali,  già messo in cantiere dal Governo. 

Stangata sui conti in Svizzera. Un invito ad accanirsi sugli investimenti è contenuto  nel rapporto più fresco arrivato a palazzo Chigi. Stiamo parlando del piano Astrid, firmato  pure da Franco Bassanini, presidente della Cassa depositi e prestiti. Il progetto prevede di ridurre il debito pubblico di 178 miliardi  entro il 2017 attraverso uno spettro di strumenti: vendita di immobili, valorizzazione delle concessioni e  cessione di partecipazioni in società quotate (Eni, Enel, Finmeccanica). E poi, ecco la patrimoniale, una  tassazione dei fondi detenuti in Svizzera.

Amato e la botta da 600 miliardi. Uno che di patrimoniale se ne intende, Giuliano Amato, non nasconde la sua preferenza per usare «un po’ della ricchezza dei più ricchi per abbassare il debito pubblico. Amato allungo le mani nei conti correnti degli italiani di notte, con un decreto  che prevedeva un prelievo  pari al 6 per mille delle somme depositate in banca dai clienti. Il progetto, che l’ex premier va proponendo ormai da oltre un anno, è volto ad abbattere il debito di circa un terzo: vale a dire una somma monstre di 600 miliardi di euro. L’economista Mario Sarcinelli ferma le sue ambizioni più in basso rispetto ad Amato e sostiene che potrebbe essere varata una imposta straordinaria da far pagare in tre o cinque anni pari a 300 (o 500) miliardi di euro. Bottino da mettere insieme con una tassa pari al 5% sui patrimoni delle famiglie ricche. Per evitare la botta sui patrimoni si punta alla  nuova spending review,  ormai pronta dopo la promulgazione del primo pilastro da arrivata ieri con la firma della legge da parte del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano: gli ingredienti forti sarebbero il taglio ai finanziamenti dei partiti e dei sindacati, una nuova sforbiciata alla spesa pubblica con l’implementazione del piano Giarda-Patroni Griffi. Resta poi da riattivare la delega fiscale che giace alla Camera: obiettivo tagliare la giungla degli sconti fiscali. Poi la legge di stabilità fotograferà la situazione e certificherà - si spera - il non aumento dell’iva. 

twitter@DeDominicisF

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    10 Agosto 2012 - 11:11

    Lui ha influenzato la politica per 20 anni; Monti per soli 5 mesi e sta tentanto di riparare le fesserie del primo.

    Report

    Rispondi

  • puzzailsignorvincenzo

    09 Agosto 2012 - 19:07

    Menomale, sarebbe ora.

    Report

    Rispondi

  • Roberto51

    09 Agosto 2012 - 19:07

    Non se ne può più di spread, crisi, crescita, decrescita. Che Mario, o chi per lui, ci dica quanti soldi gli servono: se li abbiamo glieli diamo altrimenti no. Basta che di questa faccenda non se ne parli più, abbiamo tutti altro da fare.

    Report

    Rispondi

  • tristano.libero

    09 Agosto 2012 - 18:06

    Duxducis scrive: "Aiutateci a trovare gente giovane Onesta e molto sveglia per darci una mano" Mah... scusa esiste pure ! Ha anche detto che (ri)scende in campo per il bene dell'Italia e soprattutto degli italioti. Da solo incarna tutte le qualità che hai detto e, poi, ha già governato per una quindicina di anni con ottimi risultati. Anzi direi che è stato il miglior Presidente del Consiglio degli ultimi 150 anni !! Poi che fosse un puttaniere, un pluri indagato, un corruttore di giudici, un pluri prescritto e se si è fatto un casino di leggi ad personam e ad aziendam, non fa nulla; nei curricula del PDL questo fa punteggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog