Cerca

Intaccato il gruzzolo

Fregati alle famiglie 21 miliardi di risparmi

Fregati alle famiglie 21 miliardi di risparmi
Per far fronte alla crisi, al costo della vita che si alza, alle tasse che aumentano, all'Imu e agli stipendi che al contrario restano sempre uguali, gli italiani hanno cominciato ad intaccare il "gruzzoletto". Circa 220 euro al mese per un totale di 21 miliardi. Undici milioni di italiani insomma stanno danto fondo ai risparmi oppure hanno chiesto prestiti, come rivela un'indagine condotta da Swg su un campione di 1.100 persone pubblicata da Repubblica. 

I numeri - I due terzi della famiglie hanno infatti visto ridursi le proprie entrate, in particolare il 63 per cento degli intervistati ha detto di trovarsi in cassaintegrazione o con una riduzione dello stipendio. Il 34 per cento ha perso il lavoro (o perché ha chiuso l'attività o perché è stato licenziato) e il 24 per cento ha rinunciato per motivi di salute (o per il pensionamento). Così la metà di quei due terzi inzia a dar fondo al gruzzoletto mentre l'altra metà fa ricorso al credito al consumo. 
I giovani - Fanno parte di questa seconda categoria i giovani (fra i 18 e i 34 anni) che non sono riusciti ad accumulare i risparmi. I giovani sono peraltro i più colpiti dalla perdita di reddito per licenziamento, riduzione del salario o fallimento di iniziativa privata. E sono loro che arrivano a chiedere contemporaneamente un aiuto finanziario alla famiglia, un prestito in banca e a intaccare quel poco messo da parte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    06 Dicembre 2012 - 09:09

    in Francia il Presidente ha poteri per fare alcune cose direttamente, è una Repubblica Presidenziale; in Italia il Governo prepara una proposta che poi il Parlamento accetta, modifica o rifiuta: è una Repubblica Parlamentare. Ed il Parlamento ha stravolto una marea di proposte in tal senso, dalle Province, ai privilegi, al numero dei Parlamentari. Ma di cosa parli?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    06 Dicembre 2012 - 09:09

    assieme al milioneseicentomila che lo hanno votato. Poveri maldestri, ma cosa ne sapete voi di politica democratica: voi esistete solo se trovate un capobranco, un pifferaio, un conducator, un duce. Ora lo riavrete e vi propinerà la solita lista di nominati e voi, appecorati: si, padrone

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    06 Dicembre 2012 - 09:09

    sì, è un piano diabolico della SPECTRE sovietica per destabilizare l'occidente capitalistico. Che acume!!!

    Report

    Rispondi

  • encol

    05 Dicembre 2012 - 18:06

    E' vero siamo un popolo strano da sempre abituato a delegare e anche pecoroni come scrivi. Basta vedere che cosa è successo la scorsa settimana per una consultazione interna di partito. Dicono si siano presentati in 3.000.000 con l'obolo di 2 Euro, ma non è finita molti si sono vergognati di versare solo 2 euro, pensate che idioti. Per me è stata una operazione di economia spicciola che solo il PC può fare. Insomma ha messo un po' di ordine alle finanze del partito, questo lo scopo vero. Che fosse prevalso Bersani lo sapevano anche i sassi eccetto il novello fiorentino che da rottamatore finirà rottamato a breve

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog