Cerca

Grane padane

Bossi: "Una settimana di merda. I miei figli sono raggirabili. Io non lascio la Lega"

Il Senatùr: "Non ci uccideranno. L'errore è stato far entrare nel partito Renzo, era troppo giovane"

Bossi: "Una settimana di merda. I miei figli sono raggirabili. Io non lascio la Lega"

Una settimana dura. Anzi, "una settimana di merda". Non ha peli sulla lingua, come sempre, il presidente onorario della Lega Umberto Bossi intervenuto a una cena coi militanti del Carrocio a Lesa, in provincia di Novara. All'ordine del giorno c'è il futuro suo e quello di suo figlio Renzo Bossi. Entrambi sono finiti sotto inchiesta per la gestione dei rimborsi elettorali che l'ex tesoriere del partito Francesco Belsito avrebbe stornato a seconda delle esigenze a Renzo o all'altro figlio del Senatùr Riccardo per pagare le rispettive spese personali dietro consenso dell'allora segretario. Se per i due Bossi junior l'accusa è di appropriazione indebita, per Bossi senior l'accusa è di truffa allo stato per 18 milioni. Una mazzata. Come ha reagito il leader leghista all'avviso di garanzia? "Non bene, però non ci uccideranno". Il clima è quello dell'imboscata, dell'inchiesta ad orologeria. Ma per il Trota Renzo nessun calcio nel sedere. "No, i figli sono figli", ha risposto ai cronisti il Senatùr. "L'errore - ha ribadito - è stato fare entrare nella Lega dei ragazzi troppo giovani, facilmente raggirabili". Insomma, colpa d'altri. Magri di Belsito.

"Non lascio" - "I figli hanno rovinato Bossi non solo come politico, ma anche come genitore", ha insistito a La zanzara su Radio24 un leghista della prima ora come Francesco Speroni (suocero, tra l'altro, di un bossiano di ferro come Marco Reguzzoni). "Per riavere i soldi la Lega può costituirsi parte civile contro i figli di Bossi. Io sarei favorevole". E' un po' questo l'umore di molti elettori e simpatizzanti del Carroccio. E intanto resta il dubbio su cosa sarà del Senatùr. Il novello leader padano Roberto Maroni dovrà cacciarlo o no? Di sicuro, c'è solo che Bossi non molla di propria iniziativa: "Non è assolutamente vero che ho intenzione di lasciare - ha annunciato sabato mattina -. E' la prova provata che piacerebbe al sistema e ai suoi uomini. Lascerò soltanto quando la Padania trionferà". 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    21 Maggio 2012 - 13:01

    L'errore è stato il figlio Renzo in politica... TROPPO PRESTO ? COME FOSSE QUALCOSA DI DOVUTO AL NOME, E DI SCONTATO ? sappia il sig Bossi che in politica la gente ce la mettiamo NOI CITTADINI, e non i politicanti NEPOTISTI di stampo napoletano o siciliano. E ce li mettiamo SE HANNO CERVELLO, cosa che un trota mi sembra NON abbia, e soprattutto moralità. Certo, non tutti i cittadini hanno la cultura sufficente, la moralità di base e l'impegno necessari a valutare e scegliere i candidati da votare, e quindi tanti poveri cittadini INUTILI possono anche venire USATI dai politicanti di lungo corso a fini propri e non certo sociali. Ma GLI ALTRI cittadini, quelli che hanno cultura, che ragionano e scelgono, NON SI FANNO PRENDERE IN GIRO, NON SI FANNO IMPORRE NULLA, E SCELGONO CHI E SE E QUANDO VOGLIONO, ED IN TUTTA AUTONOMIA. Ma questo per capirlo, Bossi, dovrebbe avere una cultura un pò più civile.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    21 Maggio 2012 - 13:01

    L'errore è stato il figlio Renzo in politica... TROPPO PRESTO ? COME FOSSE QUALCOSA DI DOVUTO AL NOME, E DI SCONTATO ? sappia il sig Bossi che in politica la gente la mettiamo NOI CITTADINI, e non i politicanti NEPOTISTI di stampo napoletano o siciliano. E ce li mettiamo SE HANNO CERVELLO, cosa che un trota mi sembra NON abbia, e soprattutto moralità. Certo, non tutti i cittadini hanno la cultura sufficente, la moralità di base e l'impegno necessari a valutare e scegliere i candidati da votare,e quindi tanti poveri cittadini INUTILI possono anche venire USATI dai politicanti di lungo corso a fini propri e non sociali, ma GLI ALTRI ù quelli che hanno cultura, che ragioaanano e scelgono, NON SI FANNO PRENDERE IN GIRO, NON SI FANNO IMPORRE NULLA, E SCELGONO SE E QUNADO VOGLIONO ED IN TUTTA AUTONOMIA. Ma questo epr capirlo, Bossi, dovrebbe avere una cultura un pò più civile.

    Report

    Rispondi

  • mauricchio

    21 Maggio 2012 - 09:09

    Certo non è facile dare del 'coglione' ai propri figli. Ma se il 'Senatùr' lo sapeva, allora lo ha fatto solo per sistemare dei coglioni e senza neppure dare una controllatina al loro operato. Chi è il 'coglione' allora? A proposito di non lasciare la Lega, non si preoccupi, sarà la lega a lasciare lui: scomparendo.

    Report

    Rispondi

  • Angizia

    21 Maggio 2012 - 08:08

    Bossi il finto medico, finte lauree, la finta lotta per la Padania per soldi, favori potere. Poveretti i padani che hanno creduto ad un imbiancatore di sepolcri. Vuike restare ? Bene pagatelo con soldi finti, come è lui.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog