Cerca

La classifica

Trento la città dove si vive le meglio:
la classifica del Sole 24 ore

Trento la città dove si vive le meglio: 
la classifica del Sole 24 ore

Trento è di nuovo in vetta nella  classifica sulla Qualità della vita nelle province italiane, la  ricerca realizzata ogni fine anno dal Sole 24 Or.. Sul podio più alto, già occupato nel 2007, sale  alternandosi a Bolzano, prima lo scorso anno e ora comunque seconda.  Ultima è Napoli, già maglia nera nel 2010 e in discesa di un gradino  rispetto al 2012: il capoluogo campano sostituisce infatti Taranto,  che recupera posizioni. Al primato di Trento contribuiscono le performance nei parametri  economici, del tempo libero e della sicurezza. Napoli è invece in affanno soprattutto su lavoro e redditi. A conquistare il terzo posto  è invece la città di Bologna, seguita da Belluno, Siena e Ravenna.   Si piazza al settimo posto la città di Firenze, seguita da Macerata e  Aosta. Delle grandi città, Milano è al decimo posto, Roma al   ventesimo, Torino al cinquantaduesimo, Venezia al cinquantanovesimo,  Palermo penultima.

Conferme e sorprese - Andando nello specifico si scopre che, per quanto riguarda il tenore di vita  Milano è ancora prima nella tappa riferita al benessere, seguita come l’anno scorso da Trieste. In fondo alla classifica Messina.    Affari e Lavoro: Trento e Bolzano sono le province più avanti nella tappa del business grazie alla presenza di start up innovative e all’elevata occupazione femminile. Ultima è Reggio Calabria.   Servizi, Ambiente e Salute: Trieste brilla nell’area dei servizi grazie al più alto indice di dotazione infrastrutturale e ad una buona dotazione di asili nido e nella velocità della giustizia civile. All’estremo opposto c'è Crotone.   - Popolazione: Piacenza si aggiudica nuovamente la tappa degli indicatori demografici, nella top ten con le colleghe emiliane Parma e Bologna. Ultimo finisce il Medio Campidano.   Ordine pubblico:anche quest’anno il voto più alto nella graduatoria riferita alla sicurezza lo ottiene Oristano, grazie al minor tasso di microcriminalità in assoluto e ad una bassa incidenza di denunce di furti in casa, estorsioni e truffe. Pescara e Torino occupano le ultime 2 posizioni.   - Tempo libero: Siena domina la graduatoria del tempo libero per la presenza di volontari, librerie e cinema. Diverse le realtà a vocazione turistica nella top ten, mentre la maglia nera va a Isernia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • plaunad

    02 Dicembre 2013 - 19:07

    Dallo Stato non incassano un bel niente. Semplicemente gestiscono più soldi prodotti da loro. Forse non sai che tutte le competenze di solito gestite dallo Stato sono lassù gestite dalla Provincia (compreso le strade visto che l'ANAS non esiste, la Sanità e l' Istruzione). E tutto é moderno e funziona egregiamente. Faccia un poco lei. E che mi dice della Sicilia, altra Regione autonoma? Come mai é allo sbando totale? Non "incassano" niente dallo Stato? Come mai ce l'avete solo e sempre col Trentino-Aldo Adige, l'unica Regione dove l'Autonomia ha funzionato bene? Invidia e gelosia, per caso?

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    02 Dicembre 2013 - 18:06

    devi anche vedere quanto incassano dallo stato!

    Report

    Rispondi

  • white warrior

    02 Dicembre 2013 - 18:06

    Già; e Napoli e Palermo, rispettivamente, ultima e penultima, un bel risultato anche rispetto ai tutt'altro che eccelsi stndard all''éra -pre-primavera', Giggino superstar e Orlando innamorato di se stesso: sarebbe giusto accorgersi di tutto, senza cercare attenuanti, nè dall'una nè dall'altra parte, eh? Peggio di come siamo messi, inutile beccarsi come i tacchini di Renzo.

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    02 Dicembre 2013 - 18:06

    E' vero, ho notato anch'io come il Trentino si sta purtroppo degradando a causa della massiccia e scontrollata immigrazione. Ad ogni modo il benessere di cui godete oggi iniziò ben dopo l'annessione all' Italia tanto é vero che nel dopoguerra furono migliaia e migliaia quelli che dovettero emigrare. Fu solo grazie all'Autonomia ed alle oculate politiche di investimenti autonomi che le cose cambiarono. In Sicilia esiste un' Autonomia ancora maggiore che in Trentino eppure sono nella m..da più di prima.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog