Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Kate Middleton e Wlliam, la verità sulla foto con George appena nato: "È stato terrificante"

Giulio Bucchi
  • a
  • a
  • a

"Terrificante". Così Kate Middleton definisce la foto scattata con il marito, il principe William, e il piccolo George neonato, nel 2013. Un rituale mediatico ripetuto anche con gli altri due figli, Charlotte e Louis, ma che aveva sconvolto i Duchi di Cambridge diventati genitori da poche ore: "Io e William siamo grati per il supporto che le persone ci hanno mostrato e per noi era importante condividere quel momento, ma eravamo anche genitori inesperti", ha spiegato Kate in una intervista a Happy Mum, Happy Baby. Essere eredi al trono, infatti, non cancella e anzi amplifica, forse, le ansie di essere padre e madre.  Leggi anche: Meghan Markle oscura Kate. Lo sfregio della Regina: cosa le regala per il compleanno Dietro i sorrisi esibiti davanti a fotografi e cameraman sulle scale della Lindo Wing, ala privata del St. Mary's Hospital di Londra, Kate e William nascondevano la più classica delle angosce. Mentre tutti si soffermavano sulla pettinatura, il vestitino, la pancia quasi invisibile (tanto da scatenare le tesi complottiste del figlio nato molto tempo prima), i consorti tremavano: "Per noi era importante condividere con loro quella gioia, ma allo stesso tempo avevamo un neonato, eravamo genitori inesperti, con l'incertezza di ciò che significava, quindi c'era ogni sorta di emozioni contrastanti". "Pensi che tutto tornerà com'era prima, ma ho completamente sottovalutato l'impatto e il cambiamento che ha avuto sulla nostra vita, e penso che, a meno che tu non abbia figli, non te ne rendi conto", è la botta di... realismo della Middleton. "Non è stata una cosa così tranquilla nella nostra famiglia. William diceva cose del tipo: 'Oh mio dio, è questo essere genitori?'. Ci è voluto un po' di tempo per sistemarci e riprenderci, ma questa è la bellezza, suppongo, di avere un neonato. Sei portato nei luoghi più difficili e sconosciuti, a cui non avevi mai pensato prima".

Dai blog