Cerca

Delitto Rea

Parolisi di nuovo nei guai:
abusi sessuali sulle soldatesse

Il caporalmaggiore in carcere per l'omicidio della moglie al centro di un'inchiesta della procura militare

Gli inquirenti stanno interrogando centinaia di persone di stanza alla caserma "Clementi" di Ascoli dove c'è il 235° reggimento "Piceno", l'unico dedicato all'addestamento delle donne soldato
Parolisi di nuovo nei guai: 
abusi sessuali sulle soldatesse

Abusi sessuali sulle colleghe soldatesse. Salvatore Parolisi, in carcere con l'accusa di aver assassinato la moglie Melania Rea, è ancora una volta al centro di un'inchiesta. Questa volta della Procura militare. Secondo le indiscrezioni di Panorama, il caporal maggiore, insieme ad altri sottoufficiali sarebbe infatti indagato per "minaccia a inferiore per costringerlo a fare un atto contrario ai propri doveri, minaccia o ingiuria a un inferiore e violata consegna". Il codice penale militare, infatti, non contempla l'abuso sessuale, ma il regolamento della caserma prevede che in caso di relazione tra un sottoufficiale e una soldatessa, il primo ha l'obbligo di comunicarlo al suo superiore, l'Esercito prevede che possano lavorare insieme ma non in posizione subalterna. 

La Procura sta interrogando centinaia di persone di stanza alla caserma "Clementi" di Ascoli Piceno dove c'è il 235° reggimento "Piceno", l'unico dedicato all'addestamento delle donne soldato. Federica Benguardato, legale di Parolisi, spiega: "Non sappiamo nulla sugli esiti di questa indagine e comunque non abbiamo nessun genere di riscontro di quanto ipotizzato dal procuratore, perché da tutte le testimonianze rese dai colleghi e dallo stesso Parolisi è evidente che dove ci sono stati contatti e rapporti anche sessuali, questi non sono stati mai ottenuti né con la violenza né con le minacce".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    07 Giugno 2014 - 15:03

    Il posto delle donne è la casa...fare figli,e badare alla famiglia ! E' per questo che siamo a crescita zero e le uniche carrozzine che si vedono in giro sono quelle delle islamiche...

    Report

    Rispondi

  • marina58

    27 Luglio 2012 - 20:08

    questo...bieco individuo, è, tra gli omuncoli...più abbietti, falsi, privi d'amore e colmo, di emozioni...NEGATIVE... e con patologie...davvero GRAVISSIME!! non si dovrebbe giocare davvero...con ironie fuori posto!! molto grave la cosa!! GRAZIE LIBERO!!

    Report

    Rispondi

  • alvara

    27 Luglio 2012 - 17:05

    è da scemi pensare che mettendo insieme uomini e donne in una caserma con tempi morti enormi e sopratutto tante notti non succeda niente.succede sempre anche negli ospedali tra medici ed infermiere.si è deciso di avere le donne in servizio, si sopporti anche questo.in fondo meglio questo che i rapporti gay che spesso prima erano l'unica chance.

    Report

    Rispondi

  • Franx68

    27 Luglio 2012 - 15:03

    Il tuo è un commento da riformato? mi sarebbe piaciuto ma non ho potuto farlo... (il militare)...da quale montagna scendi:)Si vede che hai poca dimestichezza dell'ambiente militare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog